Un viaggio percorso in 100 sorsi quello proposto dal Gambero Rosso alla Mostra d’Oltremare di Napoli. La degustazione dei vini delle 100 aziende vitivinicole, le cui etichette hanno ottenuto i ‘Tre Bicchieri’, organizzata da Città del Gusto, è stata una occasione per apprezzare vini già famosi e vini in grande ascesa. Un viaggio enologico che ha attraversato lo Stivale da Nord al Sud facendo gustare ottime produzioni.

Fiano, Aglianico, Falanghina per ricordare i sapori della Campania, grandi eccellenze delle aziende che hanno ottenuto il prestigioso riconoscimento dalla Guida Vini d’Italia 2015 del Gambero Rosso, appunto i Tre Bicchieri, ma non solo quelle della terra ospitante.  Da bere scendendo dal Nord il Barolo del Piemonte, il Pinot nero Brut della Lombardia,  il Pinot bianco dell’Alto Adige, passando per le bollicine straordinarie dello spumante  del Trentino,  e quindi l’Amarone del  Veneto, il Malvasia del Fruili Venezia Giulia,  il Brunello ed il Chianti della Toscana, il Verdicchio delle Marche, l’Orvieto dell’Umbria, l’Agnianico del Molise e della Basilicata,  il Biancolella ed il Grechetto del Lazio, il Primitivo di Manduria della Puglia,  il Moscato della Sicilia ed il Vermentino della Sardegna.

Tra i vini in grande ascesa, uno poco conosciuto sino ad una quindicina di anni fa, il Pecorino dell’Abruzzo che in questa cornice è stato tra i più graditi.  Un vino con un alto accumulo di zuccheri, 13/14 gradi, alta acidità e proveniente da un vitigno autoctono. Una riscoperta per chi lo aveva già assaggiato ed una bella sorpresa per chi l’ha proposto al proprio palato.

La degustazione dei vini è stata accompagnata dall’assaggio di prodotti campani come la mozzarella di Bufala Campana DOP, altri prodotti caseari e dolci, con sottofondo musicale ed esposizione artistica.

Siamo  oramai da diverso tempo un punto di riferimento essenziale per il comparto  –   conferma Serena Maggiulli, direttore Città del Gusto Napoli  –  e i Tre  Bicchieri rappresentano uno dei nostri fiori all’occhiello. Una serata speciale dove sono insieme grandi vini e grandi eccellenze agroalimentari. Un percorso di prelibatezze ma anche di eventi collaterali che siamo felici di aver messo insieme”.

 

Commenti

commenti