La Villa dei Misteri a Pomei riapre al pubblico a seguito dei restauri degli affreschi, interventi durati circa due anni. La Villa del II sec. d.C. sembra appartenesse alla famiglia degli Isticidi ed era una delle piu’ belle dell’epoca. Il cilco di affreschi da cui prende il nome la villa e’inerente ai riti dionisiaci per propiziarsi Bacco. I riti in una certa epoca furono vietati. Nella sala del Triclinio gli affreschi a figura intera piu’ belli.

A presentare i lavori ed a fare il punto dello stato di avanzamento delle opere il ministro per i Beni e le Attivita’ culturali, Dario Franceschini e dal soprintendente, Massimo Osanna.

Entrambi si sono dichiarati soddisfatti per l’andamento del piano ed hanno annunciato che a breve partiranno i lavori per l’installazione degli impianti di videosorveglianza.

Le foto sono di Massimo Capobianco.

Commenti

commenti