Immagina Napoli come una madre amorevole che lascia andare via i suoi figli e lei come amica che le consiglia come comportarsi. Vanessa De Angelis, 18 anni napoletana, ha interpretato così il tema del lavoro elaborando una poesia in napoletano davvero bella che vince uno dei premi di Italia Orienta-Orienta Sud , salone sulla formazione degli studenti in corso a Napoli. Un tema difficile che la diciottenne dell’Istituto Della Porta di Napoli interpreta con grande amore, coraggio e passione evidenziando il tema della fuga dei cervelli, immaginando il loro ritorno e consigliando di restare a Napoli ricominciando da quelle radici che da circa cento cinquanta anni sono state estirpate.

 

A Napoli mia adorata

Te veco triste pecchè chiagne?

Tien’(e) ragion’(e)

Tanti sofferenze pe’ chist’ figli a cui hann’ (o) arrubbat’ (o) e suonne.

Ma nun t’ (e) preoccupà

Nat’ (u) poc’ e vir turnà.

Nisciun’ se scord’ dà mamma soia.

Nemmen’ si và a viver(e) dint’ a nat’(a) civiltà.

 

Te dicess’ pur’ e t’arricurdà

I tiemp bell e 150 ann’fa.

Accussì man’man’ pur chi è chiù giovan (e)

Sap chi er’ o Reè Borbon’(e).

Se te dice ca ‘o chiammano terrone

Una cos’(a) l’è arricurdà:

ca ‘o terrone era ‘nu brigante’ (e)

à o’ popolo suoi vulev’ salvà

Nunn mannà a nisciun, si ‘o vir’ è suffrì

Chill’ e là ngopp, primmm o poi,

pur lor’ l’hanna patì.

 

Rassicurl’ e dincell’ cà i t’ama overamente, tu ‘o aspiett, ‘o apsiett cà torna

E natavot’ (a) dint’ e bracci (a) toia se po’ scarfà.

 

 

Commenti

commenti