La voce delle donne e dei bambini di San Giovanni a Teduccio si eleva alta. La prima volta del loro diventare artisti in pubblico. Dalle case dell’ex quartiere operaio alle prove nel centro polifunzionale ‘Oasi’ al debutto sul palco del Teatro dei Mendicanti. Un percorso di passione ed amore che grazie a Carmela Manco, Mariano Bauduin e Patrizia Spinosi è diventato una nuova realtà artistica. Lo spettacolo ‘Il Natale della Resistenza’ ritorna scena con la compagnia ‘Gli Alberi di Canto Teatro’ arricchito dal gruppo della Corale per San Giovanni e dal coro ‘Gli albero di canto pueri’. Un sold out che ha convinto gli organizzatori a replicare, questa sera. Il mix di professionisti e appassionati ha reso lo spettacolo una rappresentazione intensa, emozionante e artisticamente di livello. La magia dell’arte ha messo insieme chi da anni lavora e chi da mesi si è rimesso in gioco svestendo gli abiti di casalinga, bambino, disoccupato e giovane in cerca di lavoro. Tutti insieme per proseguire percorsi positivi e per aprire in questa parte di città uno spazio culturale che non potrà non essere al centro dell’attenzione nei prossimi mesi. Una esperienza diversa che mette al centro della formazione teatrale testi impegnativi che vengono declinati in chiave di musicalità, linguaggio napoletano e gestualità. Direttrici di un teatro popolare che Napoli spesso ha dimenticato.

Interpreti dello spettacolo, Voci: Patrizia Spinosi, Anna Spagnuolo, Renata Fusco, Maurizio Murano, Armando Aragione; Strumenti: Mimmo Napolitano, Pianoforte; Michele Boné, Chitarra; Filippo D’Allio, chitarra elettrica; Peppe Dicolandrea, Fiati; Gianluca Mirra, Batteria e Percussioni; Gino Sigillo, Basso. Corale per San Giovanni e coro ‘Gli alberi di canto pueri’. Regia Mariano Bauduin.

Commenti

commenti