Sergio  Mattarella arriva al Museo di Pietrarsa cioè al Reale Opificio Meccanico, Pirotecnico e per le Locomotive, fondato da Ferdinando II di Borbone nel 1840. Arriva per visitare il Museo di Pietrarsa a conclusione di lavori di restauro e riqualificazione, che hanno recuperato le antiche strutture, la funzionalità, l’accessibilità e  rinnovato l’impiantistica. Il cronoprogramma ha previsto una durata dei lavori di 2 anni e interventi effettuati secondo step successivi in modo da garantire sempre l’accesso dei visitatori, seppur non in tutti gli ambienti.

Una sede espositiva unica nel panorama nazionale che, per la suggestione degli ambienti e la ricchezza dei materiali conservati, rappresenta uno dei più importanti musei ferroviari d’Europa. Il Museo è stato inaugurato nel 1989 e si sviluppa su un’area di 36mila metri quadrati, di cui 14mila coperti. All’esterno si erge la grande statua in ghisa di Ferdinando II, Alta più di 4 metri e fusa nell’Opificio nel 1852. Ritrae il sovrano che ordina con gesto regale la fondazione delle Officine e sembra vegliare soddisfatto sulla sua preziosa creatura.

Commenti

commenti