San Martino riaccende gli orologi.  La Certosa ha tra i gioielli tre orologi solari.

Il 21 dicembre, nel giorno del solstizio d’inverno, al Museo e Certosa di San Martino di Napoli verrà presentato il progetto di rifunzionalizzazione, valorizzazione e restauro dei tre antichi orologi solari presenti nel complesso museale, a cura della professoressa Alessandra Pagliano del Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Saranno presentati i recenti studi e i lavori effettuati per il ripristino della meridiana settecentesca, a camera oscura, di Rocco Bovi che, dopo decenni di impropri restauri, ha riacquistato la funzionalità nei mesi invernali.
Verrà inoltre mostrato il ripristino temporaneo del prezioso orologio marmoreo a quadrante multiplo, del quale si prevede un successivo intervento di conservazione e il progetto del restauro dell’orologio verticale del Chiostro grande con il ridisegno del reticulum temporis.

I quadranti solari altro non sono che la rappresentazione grafica sulla terra del moto apparente del Sole sulla superficie dell’eterea sfera celeste. Tale rappresentazione si ottiene a mezzo di rette proiettanti, ovvero i raggi luminosi che allineano le diverse posizioni assunte dall’astro con la punta dello gnomone e con l’ombra
portata lungo la superficie del quadrante. Questo immateriale contatto tra Terra e Cielo costituisce un elemento di intramontabile fascino che rende ancora oggi le meridiane, e più in generale gli orologi solari, un naturale luogo d’incontro di Arte, Filosofia, Geometria, Geografia, Fisica e Astronomia. Questi preziosi oggetti artistici, spesso realizzati in monumentali complessi architettonici, sono la memoria di un sapere antico e prezioso, di quando per millenni l’uomo regolava il proprio agire in stretta connessione con lo svolgersi dei
naturali cicli diurni e annuali.

Prendono parte alla iniziativa 21 dicembre ore 9.30

Saluti
Rita Pastorelli, direttrice del Museo e Certosa di San Martino
Leonardo Di Mauro, Dipartimento di Architettura, Università degli
Studi di Napoli “Federico II”

Introduce
Salvatore Capozziello, Dipartimento di Fisica, Università degli Studi
di Napoli “Federico II”

GLI OROLOGI SOLARI DELLA CERTOSA DI SAN MARTINO: STORIA, GEOMETRIA E RESTAURO
Alessandra Pagliano, Dipartimento di Architettura, Università degli
Studi di Napoli “Federico II”
Roberta Murolo
Luca Santoro
Angelo Triggianese, Dipartimento di Architettura, Università degli
Studi di Napoli “Federico II”

VISITA GUIDATA AGLI OROLOGI SOLARI DELLA CERTOSA

Commenti

commenti