Se Manon Lescaut è andata in scena poche settimane fa, la stagione 2017/2018 si aprirà con un altro capolavoro del genio toscano, assente al San Carlo dal marzo 1975: La fanciulla del West, andata in scena per la prima volta il 10 dicembre 1910, a New York, con Arturo Toscanini sul podio. L’occasione permette al San Carlo di ricordare il grande direttore d’orchestra Italiano, nell’anno in cui si sono celebrati i 150 anni dalla nascita (1867-1957).
Il 2018 proseguirà poi con un anniversario imprescindibile, quello per i 150 anni dalla morte di Gioachino Rossini (1792 – 1868), direttore artistico del Real Teatro di San Carlo, dal 1815 al 1822.
Proprio al periodo napoletano risale il Mosè in Egitto, azione tragico-sacra in tre atti, composta nel 1818, in programma nella versione rivista dall’autore nel 1819 (comprensiva dell’aggiunta della Preghiera Dal tuo stellato soglio, che permise all’autore di avere una maggiore fortuna rispetto all’edizione precedente), dal 15 al 20 marzo 2018.
Rossini ricorrerà anche nella stagione dei concerti (ad esempio nell’appuntamento del 16 marzo, in cui il Quartetto d’Archi del San Carlo eseguirà la Sonata a quattro n. 6 in do maggiore, per 2 violini, violoncello e contrabbasso); in contemporanea numerosi approfondimenti e un nuovo percorso espositivo verrà inaugurato a MeMus (Museo e Archivio Storico del Teatro di San Carlo).
Se a Toscanini verrà dedicata l’opera inaugurale, non mancheranno momenti riservati a Tullio Serafin, di cui ricorrono i 50 anni dalla morte (1878-1968).
A Jeffrey Tate (1943 – 2017), recentemente scomparso e direttore musicale del Teatro di San Carlo dal 2005 al 2010, viene invece dedicata la stagione 2017/2018.
La citazione iniziale di George Bernard Shaw fa riaffiorare alla memoria le vicende narrate nel Pigmalione, opera che ispirò il musical My Fair Lady su musica di Frederick Loewe (1901-1988) -di cui ricorreranno i 30 anni dalla scomparsa- per la prima volta in scena al San Carlo, che conterà la partecipazione straordinaria di Raina Kabaivanska nel ruolo di Mrs. Higgins.
Anche Il Cappello di paglia di Firenze di Nino Rota sarà una prima sancarliana, nell’allestimento proveniente dal Maggio Musicale Fiorentino.
Molti sono gli autori ed i capolavori del Novecento che emergeranno sia nel repertorio sinfonico (ad esempio Aleksandr Nevskij, op. 78 di Sergej Prokof’ev del 1938; Il castello di Barbablù di Béla Bartók del 1911 ed ancora il Concerto per violino e orchestra n. 2 sempre di Bartók e Sette Romanze su poesie di Alexandr Blok per soprano e strumenti di Dmitrij Šostakovič del 1967, e poi ancora Sequenza VIII per violino di Luciano Berio e, Sei Capricci per violino di Salvatore Sciarrino, per citare solo alcuni degli appuntamenti più significativi) che in quello operistico (Lady Macbeth del distretto di Mcensk di Dmitrij Šostakovič del 1932; L’Amour des trois oranges di Sergej Prokof’ev del 1919), un Novecento che traghetterà alla contemporaneità, con la prima assoluta di Eternapoli di Fabio Vacchi, con la partecipazione di Toni Servillo, il 16 febbraio.
Ad intessere il fil-rouge di questa stagione non sono solo le incursioni nel Novecento, ma le citazioni delle opere del grande repertorio (La bohème, La Traviata, Tosca, Rigoletto, alcune in nuove produzioni che ne rinnoveranno il fascino), e ancora nell’affrontare la grandezza della Scuola napoletana con Il Siroe re di Persia di Leonardo Vinci e Don Checco di Nicola De Giosa.
Artisti molto amati dal nostro territorio ritorneranno: Anna Pirozzi, Vincenzo Costanzo, Maria Agresta, Cinzia Forte, Daniel Oren, Gabriele Ferro, Antonio Florio, Giuseppe Picone, Lorenzo Amato, Salvatore Accardo, Toni Servillo, Enzo Avitabile, Giusi Giustino, Nicola Rubertelli, Anna Razzi, Gabriele Russo Edmondo Tucci, Gabriele Pieranunzi, Quartetto d’archi del Teatro di San Carlo (Cecilia Laca, Luigi Buonomo, Antonio Bossone, Luca Signorini), altri ancora, di egual fama ed altrettanto noti sui palcoscenici internazionali si alterneranno a loro Zubin Mehta (direttore musicale onorario che dirigerà 5 concerti al San Carlo, altri 2 e Carmen in una tournée a Bangkok), Juraj Valčuha (direttore musicale principale sul podio per 3 concerti e La fanciulla del West, Lady Macbeth del distretto di Mcensk, Tosca), Hugo De Ana, Kristin Lewis, Claudio Sgura, Roberto Aronica, Marco Berti, Eleonora Buratto, Elena Mosuc, Donato Renzetti, Paul Curran, Raina Kabaivanska, Ezio Frigerio, Franca Squarciapino, Vladimir Stoyanov, David Pountney, Carmela Remigio, Celso Albelo, Jessica Pratt, Jordi Bernàcer, Nino Machaidze, Francesco Demuro, Leo Nucci, Fabian Veloz, Giovanni Meoni, Enkhbat Amartuvshin, Antonello Palombi, Marco Miglietta, Riccardo Zanellato, Marina Comparato, Simone Alberghini, Roberto de Candia, Maxim Vengerov, Maria Agresta, Salvatore Accardo, Michael Barenboim, Pinchas Zukerman, Olga Borodina, Ainoha Arteta, Brian Jadge, Roberto Frontali, Carlo Cigni, Henrik Nánási, Saimir Pirgu, George Petean, Patrizia Ciofi, Nino Surguladze.
Anche il settore della danza riserva sorprese e formule rinnovate, a partire da Autunno Danza 2017, che inaugurerà con un’opera che proporrà il repertorio kunqu, e successivamente presenterà una nuova creazione del Pulcinella di Stravinskij, a ricordare la prima direzione di Stravinskij al San Carlo nell’aprile del 1917, con Les Ballets Russes diretti da Sergej Djagilev.
Nell’aprile 2018, 24 recite al Teatro Bellini vedranno L’ultimo Decameron, nuova produzione, che accomuna due importanti istituzioni teatrali cittadine, con la coreografia di Edmondo Tucci.
In questo calendario che conta già 159 alzate di sipario, che come sempre aumenteranno, con eventi fuori programma che si andranno ad aggiungere, si intersecano numerose tournées soprattutto quelle nell’autunno del 2018, sotto la guida del nostro direttore musicale onorario Zubin Mehta.
Ricordiamo infine la sinergia con le emittenti RAI, con Rai Radio 3 che trasmetterà tutta la stagione operistica e con Rai Cultura e Rai 5 che offriranno la possibilità di assistere da casa agli allestimenti più suggestivi.

STAGIONE D’OPERA E BALLETTO 2017/18
OPERE
11 TITOLI
72 ALZATE DI SIPARIO
4 NUOVE PRODUZIONI
(La fanciulla del West, My Fair Lady, La Traviata, Siroe re di Persia)
6 ALLESTIMENTI PER LA PRIMA VOLTA A NAPOLI
2 PRIME AL SAN CARLO
(My Fair Lady, Il cappello di paglia di Firenze)
3 TITOLI FUORI ABBONAMENTO
(La bohème, Siroe re di Persia, Don Checco)
5 ANNIVERSARI
150° DALLA MORTE DI GIOACHINO ROSSINI (1792 - 1868)
150° DALLA NASCITA DI ARTURO TOSCANINI (1867 - 1957)
200° DALLA PRIMA RAPPRESENTAZIONE DEL MOSÈ IN EGITTO (1818)
50° MORTE DI TULLIO SERAFIN (1878-1968)
30° MORTE FREDERICK LOEWE (1901-1988)
_____________________________________________________________________
Direttori
Juraj Valčuha / Stefano Ranzani / Donato Renzetti / Daniel Oren / Stefano Montanari / Valerio Galli / Jordi Bernàcer / Nello Santi / Gabriele Ferro / Antonio Florio / Francesco Lanzillotta
Registi
Hugo De Ana / Mario Pontiggia / Paul Curran / Lorenzo Amato / David Pountney / Martin Kusej / Elena Barbalich / Jean Paul Scarpitta / Alessandro Talevi

Commenti

commenti