A Salerno, 17 anni per la stazione Ostrica di Zaha Hadid

Ci sono voluti diciassette anni per la sua costruzione. Era il 1999 quando il Comune di Salerno lanciò un concorso internazionale. Lo vinse una grande architetta, scomparsa senza poterla vedere aperta ed operativa. L’ostrica-stazione di Zaha Hadid è finalmente pronta. Una opera pubblica destinata  a servizi per turisti all’interno del porto commerciale, Molo Manfredi con servizi vari quali ufficio informazioni, servizio portabagagli, servizio navette per il centro cittadino, punto ristoro, box per agenzia viaggio ed altri servizi. Costata 14 milioni di euro vede la luce su progetto della archistar Hadid morta recentemente e che avrebbe dovuto inaugurarla. Sarà Stefano Boeri a commemorarla con una lectio. La struttura si staglia sulla città come simbolo del cambiamento urbanistico degli ultimi venti anni di Salerno.  Si prevede la possibilità di far attraccare due navi da crociera contemporaneamente per un totale di 150 navi e mezzo milione di croceristi. La stazione di notte sarà illuminata per essere un faro per Salerno. Inaugurazione con le massime autorità locali e regionali e poi stazione aperta al pubblico per l’intera giornata.

foto dal web

Commenti

commenti