Un media novantenne  come la radio (i 90 anni di radio Rai sono un po’ il compleanno simbolo della radio in Italia) potrebbe apparire fuori moda. Invece, la radio non è soltanto tra i media più giovani ma, sono soprattutto i giovani ad esserne affascinati sia come utenti che come protagonisti.  E Napoli con l’Università Suor Orsola Benincasa vanta ancora un primato: possiede la prima radio universitaria in Italia, Run Radio, che propone la formazione sul campo.

Run Radio ha due corsi di studio per formare figure professionali radiofoniche; un palinsesto in onda h 24, composto da 5 ore di diretta con programmi specifici, 5 ore di repliche, iniziative speciali e programmi musicali specifici per le fasce serali. Le attrezzature tecniche non hanno nulla da invidiare ai grandi network: mixer digitali, microfoni, software di gestione diretta, postproduzione, tutto quello che serve per ricreare le situazioni, lavorative, reali di una radio Nazionale. Radio Run può trasmettere in esterna, grazie ad un banco mobile. E gli ascolti, 1500 ascoltatori nel mese medio, rappresentano un valore elevato se rapportato ad altre radio.

 Anche i dati dei social, legati alla radio, sono interessanti, perché come gli esperti spiegano, anche la radio deve e può essere virale. Così Run Radio vanta un profilo twitter con 2000 followers, tre profili Fb con 7 pagine fan (uno per programma) con circa 10.000 utenti, un profilo instagram ed un canale youtube.

Il portale runradio.it è un punto di riferimento tra studenti universitari e ascoltatori provenienti da ogni parte del territorio nazionale e internazionale.

Il direttore editoriale, Alfredo D’Agnese, ed il direttore artistico, Antonio D’Amore spiegano a napolipost nel videoweb il progetto editoriale, formativo e artistico. Entrambi spiegano che  “Dopo essere stata citata tra le tre radio migliori di Ateneo a livello nazionale, Runradio si appresta ad affrontare la nuova stagione con un palinsesto rinnovato e una programmazione che mixa sapientemente musica, intrattenimento e informazione“.

Commenti

commenti