Suoni, profumi e sapori, questa è la Napoli di un tempo, che resiste nel tempo. Tradizione e modernizzazione spesso in contrasto, ma che oggi convivono in botteghe e mestieri rivisitati.
Di seguito l’itinerario:
– Passeggiata con racconti ed origini del presepe;
– chiesa San Domenico Mgg presepe del ‘500;
– i mestieri nel presepe napoletano;
– ‘o Maccarunnaro, ll’ammolafuorfece, ‘a capera, a nutrice;
– visita alla Bottega Legatoria Artigiana (palazzo Marigliano);
Via San Gregorio Armeno:
– la costruzione simbolica del presepe;
– visita botteghe artigiane presepiali (M° Ferrigno);
– piazza San Gaetano (Agorà) e racconti sui personaggi del presepe;
– Benino, la Stefania, Zi’ Vicienzo e zi’ Pascale, ‘o Pstopre a Meraviglia;
– visita alla bottega Limonè con degustazione di limoncello e dolce;
– pozzo greco-romano nell’omonima bottega.

CURIOSITA’
durante la passeggiata verrà spiegato lo schema del presepe napoletano (dantesco), la mitologia di alcune figure e modi di dire.

Partecipazione a numero chiuso con prenotazione obbligatoria.
L’appuntamento è Piazza S. Domenico Maggiore all’ingresso della chiesa (sotto le scale);
ore 10,15
Il contributo associativo è di 8 euro a persona ed è comprensivo della degustazione di limoncello con dolce.
Per info e prenotazioni
Dott.ssa Mango
oltreiresti@oltreiresti.it

349 13 86 203
www.oltreiresti.it

Commenti

commenti