Leggere vuol dire più ritmo nel sangue: al via la 24esima edizione di “Positano – Mare, sole e cultura”, rassegna letteraria presieduta da Aldo Grasso,  dal 18 giugno al 15 luglio. Filo conduttore ad animare i dibattiti:  “I volti di Dio – Religione e violenza sulle due rive del Mediterraneo”. 
La manifestazione si fregia del Premio speciale della Presidenza del Consiglio dei Ministri per le finalità promozionali e dei patrocini del Ministero dei Beni e Attività Culturali e Turismo, Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, Presidenza del Consiglio. Da oltre vent’anni, la rassegna letteraria Positano Mare, Sole e Cultura, ispirata alla più recente produzione editoriale, offre al suo pubblico incontri e dibattiti sul valore educativo e formativo della lettura, sul mutamento sociale, culturale del nostro paese e sulle correnti di pensiero internazionali  in termini di politica, economia e costume, attestandosi, edizione dopo edizione, tra le più attive e importanti manifestazioni impegnate nella promozione della cultura del libro, in una  sinergia tra editori, autori, operatori culturali, lettori e trasformando Positano in un luogo di incontro, conoscenza e dialogo.

Si comincia il  18 giugno, a Palazzo Murat alle 21.00,  il Procuratore nazionale antimafia, Franco Roberti, autore de “Il contrario della paura”, con  Giulio Giorello autore de “Il fantasma e il desiderio”,  e all’editorialista del Corriere della sera, Aldo Grasso, daranno vita a una riflessione sul tema “I volti della giustizia”. Giovedì 30 giugno, alla Terrazza Marincanto alle ore  21.00,  Massimo Bisotti, autore di “Un anno per un giorno”, nel corso di una serata dedicata ai volti del passato, approfondirà alcuni temi fondamentali dell’esistenza umana, quali il tempo e la sua stretta connessione con il caso, il destino e il vero amore. L’amore passionale e i suoi volti, il  7 luglio, a  Sant’Agata sui due Golfi, alle ore 21.00, con Maria Elena Ferro, autrice de “Il secondo giro di giostra”, che insieme a Livia Iaccarino, Marina Ripa di Meana e Andrea G. Pinketts, autore de “La capanna dello zio Rom”,  racconterà l’anima delle donne e indagherà i diversi volti della passione, raccontata senza fronzoli e con un linguaggio diretto e disincantato. Il  Luglio, alla Terrazza Hotel Le Agavi,  alle ore  21.00, Positano celebra “I volti di Bellavista” nel corso di una serata dedicata alla vita e alla carriera di uno degli scrittori più amati d’Italia, Luciano De Crescenzo, autore di “Non parlare, baciami”, con l’interviento di Gianluca Mech. Durante l’incontro, verrà proiettato il documentario “Così parlò De Crescenzo” prodotto dalla Bunker Hill.  Il giorno  8 luglio, omaggio a una delle più note e versatili attrici del panorama cinematografico italiano,  Ilaria Occhini, autrice del volume “La bellezza quotidiana – Una vita senza trucco”,  rivelerà con Raffaele La Capria le gioie e le pieghe del loro amore coniugale,  e ripercorrerà con Antonio Monda, direttore artistico della Festa del cinema di Roma e  autore del volume “L’indegno”, i momenti più importanti della sua  carriera. Il  12 Luglio alla Terrazza Hotel Le Agavi,  alle ore  21.00,  il cardinale  Gianfranco Ravasi, autore del volume “Le Beatitudini” , approfondirà  il messaggio evangelico, attraverso il confronto tra le due versioni di Matteo e Luca, sottolineando come l’impegno per una maggiore giustizia nella vita terrena non possa prescindere da quella teologico-spirituale.  Il cardinale Ravasi sarà insignito del Premio internazionale di giornalismo civile. Il  13 luglio al Covo dei Saraceni,  alle ore  21.00,  il vice direttore del Tg1, Gennaro Sangiuliano, autore di “Putin”,  Gianni Oliva, autore del volume “Gli ultimi giorni della Monarchia”, e il direttore de Il Sole 24 Ore, Roberto Napoletano, analizzeranno i volti enigmatici e complessi degli uomini che hanno cambiato il corso della Storia. Previsto l’intervento del  sottosegretario di Stato al ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo, Antimo Cesaro. La chiusura, il  15 luglio, alla Terrazza Hotel Le Agavi,  alle ore 21.00, Giulio Tremonti autore di “Mundus Furiosus – Verso la fine della lunga incertezza”, con Domenico De Masi, autore di “Una semplice rivoluzi e al direttore dell’Espresso Luigi Vicinanza, proverà a delineare il percorso che l’Europa deve intraprendere per uscire dalla crisi che l’ha messa in ginocchio.

Una rassegna in uno dei luoghi più belli della Campania, di grande rilevanza, al fine di  promuovere il turismo territoriale nel segno di un’opera di educazione e di sensibilizzazione delle coscienze, contribuendo  alla crescita dell’immagine dell’Italia quale polo di un’interazione culturale multiforme, grazie alla partecipazione dei maggiori esponenti della cultura nazionale ed internazionale.

“I mari – è stato scritto  da Giulio Giorello– sono “inclassificabili”: non appartengono quasi mai a un solo paese, non possono venire racchiusi entro uno stesso confine, e talvolta non fanno parte nemmeno di un unico oceano. Sono invece connessione tra diverse nazioni, tradizioni, civiltà. Sono mobili e percorribili dalle navi dei coraggiosi. Hanno visto le imprese di pirati, guerrieri, commercianti, esploratori. Hanno rappresentato non solo la lotta ma anche la mediazione tra le forme più diverse di cultura. Non tra le brume del profondo nord, bensì sulle acque del Mediterraneo, sotto il caldo sole che mette in fuga le tempeste, si è scoperto che il Dio dei monoteismi, unico signore del bene e del male, ha almeno tre volti: quello severo delle Legge ebraica, quello gioioso dell’amore cristiano e quello ineffabile della clemenza dell’Islam. Non tre diverse, antitetiche divinità; ma un Dio solo, la cui straordinaria potenza ha modellato più di una rivelazione. Le acque e il sole hanno così vissuto il conflitto duro e ostinato ma anche la reciproca comprensione in nome della temperanza e della tenerezza. Non è storia solo di ieri: ogni giorno le coscienze più attente di oggi hanno compreso che nel decifrare l’enigma di quei tre volti è in gioco l’avvenire di ogni terra che si affacci sul Mediterraneo. E non solo!”

 

Commenti

commenti