Piano Operativo pronto entro il  cinque febbraio 2017, stimolare gli imprenditori a fare e ragionare sui servizi. Sono queste alcune delle sfide lanciate da Pietro Spirito, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale Mar Tirreno Centrale. Nell’intervista rilasciata a Napolipost i progetti del responsabile dell’Autorità portuale che comprende anche il porto di Napoli. Obiettivi complessi se si considera che si sono da poco conclusi tre anni di commissariamento del Porto e che il presidente è in carica da circa due mesi. Ma il Porto che coordina è tra i più importanti d’Europa sia per traffici commerciali che turistici, importanza che eredita dal passato quando nel V secolo a.C. era uno dei più importanti del Mediterraneo.

Commenti

commenti