Il Comune di Napoli beneficerà di 86 milioni di euro per realizzare progetti di sviluppo urbano sostenibile. Le risorse sono messe a disposizione dall’Unione europea attraverso il programma PON Metro 2014-2020. Il Comune potrà godere di una premialità pari a oltre 5 milioni di euro se tutte le 14 città italiane interessate dal Programma operativo nazionale riusciranno a raggiunge gli obiettivi di spesa prefissati entro il 31 dicembre 2018.

  Quattro le linee di azione per cui verranno impiegate le risorse: agenda digitale metropolitana per un valore di 13milioni di euro;  sostenibilità dei servizi pubblici e mobilità urbana con un valore di 32 milioni; servizi per l’inclusione sociale per un importo di 21 milioni e infrastrutture per l’inclusione sociale con 18 milioni. Per quanto riguarda laprima linea di azione, il Comune finanzierà 12 progetti con l’obiettivo principale di ”migliorare la qualità dei servizi ai cittadini e agli utenti” con la creazione di una piattaforma di servizi online interattivi.

  Con questo strumento i cittadini potranno accedere ai servizi di pagamento dei tributi locali; usufruire dei sevizi dellebiblioteche comunali attraverso tablet e smartphone, consultare on line l’archivio dei cataloghi delle collezioni d’arte del Comune, inviare domande per l’assegnazione di alloggi pubblici e ottenere, attraverso un’app scaricabile sul telefonino,notifiche sull’andamento delle pratiche. Saranno inoltrepotenziati i servizi per il turismo accessibile con app geolocalizzazione. Le gare partiranno entro l’anno. Per quantoriguarda la mobilità, le risorse PON Metro saranno impiegate per ampliare il parco bus ”incrementando i livelli di efficienza, eco sostenibilità ed economicità”. I nuovi bus avranno sistemi di videosorveglianza, localizzazione, climatizzazione e pannelliinformativi. Sarà inoltre resa ”moderna e adeguata” la retesemaforica cittadina che oggi, sugli assi principali, è composta da 270 impianti ”obsoleti” e infine sarà realizzato un nuovosistema di monitoraggio per le Gallerie Quattro Giornate, Laziale e Vittoria. Sul fronte dell’inclusione sociale, saranno attivati progetti per superare il disagio abitativo attraverso l’attivazione dell’Agenzia sociale per la casa. Inoltre saranno attivati programmi di autonomia guidata, di inclusione socio economica, progetti a tutela delle donne vittime di violenza e di sostegno dei senza fissa dimora. L’ultima linea di finanziamento riguarda la riqualificazione e il recupero di alloggi di edilizia pubblica e strutture di ospitalità. Con 9 milioni del PON Metro si sta avviando la riqualificazione della Vela B che non sarà abbattuta, mentre per quanto riguarda le strutture di ospitalità si procederà alla riqualificazione della Casa della socialità, nel rione Don Guanella, della Casa di riposo Signoriello e della struttura Cardinale Mimmi.

Commenti

commenti