ANCHE AL CINEMA..CE STA ‘O FEELING!

Solo tre giorni di proiezioni.  Non il solito film, ma un evento,  il documentario di Giorgio Verdelli sulla vita musicale di Pino Daniele. “Noi andremo via e il tempo resterà” ma anche Pino Daniele resterà, la sua musica è ormai parte di questa città e la unisce da Scampia a Via Petrarca.

La musica del “Nero a metà” è stata sempre caratterizzata da un feeling particolare e molto sentito,  e il docufilm lo trasmette tutto. Video inediti, luoghi, testimoniane,  immagini e tanta tanta  tanta musica da vedere, da ascoltare ma, soprattutto, da sentire con il cuore:  sentimento allo stato puro!

La storia di Pino, la sua parabola musicale, il significato del suo particolarissimo stile, che ha raccolto e stravolto la musica partenopea, contaminandola con stili d’oltremare senza mai snaturarla.

Tutto nacque con la Nuova Compagnia di Canto Popolare e con Roberto De Simone e poi, negli anni 70 scoppio il Naples Power di cui Pino fu il re incontrastato, soluzione di continuità nella storia della musica di una città che attraverso questa arte è riuscita ad esprimere nella storia i suoi odori,  i suoi sapori, i suoi colori.

C’è poco da dire! Ed il poco lo racconta Pino, anche attraverso la voce di Claudio Amendola e dei suoi strettissimi amici e collaboratori.

Qualche momento di pura emozione, come il duetto con Fiorella Mannoia all’Arena di Verona, il racconto del concerto dei duecentomila a Piazza Plebiscito, il duettare con le mitiche chitarre di Eric Clapton , Pat Metheny e Al Di Meola, le nota di “Quando” presentate in anteprima a Massimo Troisi, grande artista e suo “gemello” cinematografico.

Un ora e 45 minuti di feeling da seguire, per chi ha vissuto quegli anni, con amore, nostalgia e gli occhi, lucidi!

foto GIUSEPPE NUZZO

Commenti

commenti