L’enorme sipario di Picasso, Parade, orna il salone delle feste del Museo di Capodimonte. L’opera è il gioiello della mostra Picasso e Napoli: Parade  a cura del direttore Sylvain Bellenger e di Luigi Gallo,  dall’8 aprile al 10 luglio nelle sale dell’Appartamento Reale

 Il sipario lungo 17 metri di base per 10 di altezza, conservato al Centre George Pompidou di Parigi, e che proprio per le sue notevoli dimensioni è stato esposto solo in rare occasioni, è stato montato nel Salone delle Feste dell’Appartamento Reale del museo.

La cassa è stata aperta e uno staff di operatori ha trasportato l’enorme rullo nella sala già trasformata in un grande teatro.

­Grazie al lavoro di squadra di allestitori, restauratori e curatori è avvenuto il déroulage del sipario adagiato su un velo di carta grande quanto tutto il pavimento.

Il telo è rimasto così dispiegato per una notte per consentire al tessuto di distendersi completamente.

Una volta aperto il sipario si è passati alla delicata fase del Condition Report. Curatori, corrieri e restauratori hanno attentamente verificato lo stato di conservazione dell’opera camminandoci sopra a piedi scalzi e con veli di carta.

Lo staff di operatori posizionato tutto intorno al telo ha accompagnato il delicato movimento del tessuto sollevandolo in più punti per evitare che l’attrito potesse arrecare traumi all’opera.

L’opera è stata sollevata con un sistema di manovra computerizzato che ne ha calcolato al millimetro lo spostamento e contestualmente ha monitorato in tempo reale le condizioni del tessuto.

­Foto di Alessio Cuccaro

 

Commenti

commenti