Medici, veterinari e psicologi pronti  a diventare zoo terapeuti. L’Università Federico II promuove un master di II livello per formare esperti di Pet Therapy. Nasce così una nuova figura professionale nella facoltà di veterinaria. È stato pubblicato il bando, con scadenza 6 marzo 2015, di partecipazione al Master universitario di II livello in Zooantropologia esperienziale: binomio uomo/animale per il lavoro di Pet Therapy e attività assistite con animali, promosso dalla Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università Federico II coordinato dalla professoressa Lucia Francesca Menna della cattedra di Igiene e Sanità pubblica veterinaria. Diversi studiosi hanno formulato teorie riguardo alle motivazioni che spingerebbero l’uomo a ricercare un’interazione con l’animale. Tra questi, Edward Wilson, secondo il quale l’uomo in generale e il bambino in particolare hanno una sorta di predisposizione istintiva che rende l’animale interessante ai loro occhi e capace di esercitare un particolare fascino su di loro. Da questo principio l’obiettivo formativo del master che è quello di fornire una preparazione adeguata di tipo interdisciplinare, attraverso un modello di istruzione universitaria, in grado di formare la figura professionale dell’Operatore di Zooterapia. Lo zooterapeuta così formato dovrà avere la capacità di lavorare in un équipe interdisciplinare nelle strutture ospedaliere e paraospedaliere e in comunità a sostegno di persone malate o diversamente abili in cui effettuare intereventi di tipo terapeutico tramite l’incontro con gli animali. Oggi lo zooterapeuta è una figura emergente nell’ambito delle professioni di aiuto e high – touch (a contatto continuo).

Il 6 marzo è la data entro il quale è possibile candidarsi al master che durerà 1 anno per un totale di 150 ore. Il master partirà il 28 marzo e potranno partecipare 14 candidati tra medici, veterinari e psicologi.

Gli animali avranno un ruolo importante tanto che verranno selezionati alcuni cani che in base ad alcune specifiche saranno ritenuti idonei e verranno educati per il lavoro di pet therapy perché sarà importante stabilire e creare un rapporto tra il cane e il tutore/operatore.

Tra i moduli del master: allineamento delle competenze, la relazione umana, la relazione con il cane, la relazione uomo/animale. Dall’inizio alla fine ci saranno laboratori di consapevolezza corporea, percorsi “di fantasia e gioco”.

Il master si terrà presso il Centro sperimentale avicunicolo a Varcaturo.

Informazioni giovanbattista.cataldi@unina.it, antonio.santaniello2@unina.it, tel. 0812534099 e 081 2536275, 3395696106).

Commenti

commenti