‘Il cammino delle certose. I percorsi dell’anima, il progetto turistico-culturale realizzato dalla Regione Campania, Assessorato allo Sviluppo e Promozione del Turismo guidato da Corrado Matera, con la collaborazione scientifica del Polo museale della Campania, offre a visitatori italiani e stranieri una nuova opportunità di conoscenza della Certosa di San Lorenzo in Padula. Con il contributo di autentici protagonisti della tendenza aniconica della creazione artistica, nelle sue declinazioni astratte: insieme al video e alle foto della performance di Vanessa Beecroft, sono in mostra i lavori di Giovanni Anselmo, Ettore Spalletti, Salvatore Emblema, Sandro Sanna, Lucilla Catania, Michele De Luca e Claudio Palmieri. Completa il percorso Altum Silentium “l’installazione con il verde” di Maria Dompè nella Corte dei Granai, uno spazio monumentale che “rinasce” a nuova vita, recuperando frammenti e antiche pietre della Certosa.

A rendere ancora più suggestiva l’atmosfera, il concerto di Markus Stockhausen, organizzato dall’Accademia Musicale Napoletana, conclude la serata con una interpretazione musicale esemplare dei valori di spiritualità e raccoglimento impressi da secoli nella magia dei silenzi del monastero, nelle sonorità accoglienti del Vallo di Diano.

L’Assessore allo Sviluppo e Promozione del Turismo della Regione Campania, Corrado Matera che ha preso parte all’apertura della mostra dichiara: “Le politiche programmate dalla Regione Campania procedono lungo un percorso che intende il turismo come priorità strategica per l’economia, l’occupazione, la crescita civile, culturale e sociale delle comunità locali.  Si tratta di un insieme di azioni coordinate, unitarie e di lungo periodo. Tutte partono dalla specificità del prodotto Campania, una terra bellissima dove arte, religiosità, paesaggi, produzioni territoriali ed artigianali, cibo, mare e aree interne costituiscono i suoi straordinari volti. A questi molteplici volti noi stiamo restituendo identità, specificità ed emozionalità allo scopo di renderli sempre più luoghi di attrazione turistica in campo nazionale ed internazionale.  Ci siamo rimessi ‘in cammino’ per far scoprire e riscoprire città d’arte minori, borghi autentici, piccoli centri, aree rurali, aree protette e parchi.   Recupero e rispetto delle identità, programmazione intero anno, condivisione delle scelte, potenziamento dell’informazione e dell’accoglienza, ampliamento della mobilità turistica sono le direttrici chiave lungo le quali sino ad oggi ci siamo mossi ed intendiamo muoverci”.

L’iniziativa segue le mostre alla Certosa di San Martino a Napoli e alla Certosa di San Giacomo a Capri.

Commenti

commenti