Nonostante questo sia stato un anno duro per l’olivicoltura, ben 29 campioni di olio prodotti in altrettanti oliveti del Paese Aurunco sono stati presentati al 2° Concorso “L’Olio delle Colline a ITRI”. Questi i nomi delle aziende partecipanti: Agresti Ennio, Arzano Francesco Paolo, D’Urso Flaminio, Di Russo Cosmo, Donadono Elisabetta, Fargiorgio Emilio, Fargiorgio Paolo, Fusco Giuseppe, Fusco Minelio, Ialongo Nicola, Lepizzera Severino, Mancini Elvezia, Mandarello Pasquale, Mandrarita, Manzo Massimo, Nardella Maria, Papa Dario, Paparello Vincenzo, Pelliccia Teresa, Pennacchia Gregorio, Saccoccio Francesca, Società Cooperativa Unagri, Soscia Sergio, Stamegna Sandra, Stravato Antonio, Suprano Andrea, Zangrilli Antonio, Zuena Franco.

Le premiazioni si sono svolte presso l’Aula Consiliare, al termine dell’incontro-conferenza organizzato dal Comune di Itri in collaborazione con le associazioni Capol e Aspol.

Si è trattato di un appuntamento intermedio, una sorta di prova generale di carattere locale in vista della decima edizione del Concorso Provinciale “L”olio delle Colline, Paesaggi dell’extravergine e buona pratica agricola dei monti Lepini, Ausoni e Aurunci”. Hanno presenziato l’Assessore dell’Agricoltura Francesco Fargiorgio e l’Assessore all’Ambiente Paola Ruggieri in rappresentanza del Comune di Itri, Luigi Centauri presidente del Capol, Diego Ciufo tecnico dell’Aspol, Eugenio Lendaro e Andrea Coccia del Polo Pontino dell’Università Sapienza di Roma.

La cornice dell’evento è stata curata in particolare dalle assaggiatrici del Capol Antonella Simonetti, Igina De Santis e Liberata Diloni.

Tra gli interventi che si sono susseguiti nell’ambito della conferenza, è risultato molto apprezzato quello del Prof. Eugenio Lendaro e del Dott. Andrea Coccia del Polo Pontino dell’Università Sapienza che hanno relazionato in merito ai risultati degli studi scientifici sulle proprietà antitumorali dell’olio extravergine d’oliva cultivar Itrana.

Numerosi i produttori che hanno ricevuto attestati per la qualità dell’olio extravergine prodotto.

Il Comune di Itri, nella figura dell’Assessore Francesco Fargiorgio, ha premiato i seguenti produttori:

1° Classificato: Azienda Agricola Di Russo Cosmo                         Loc. Vacastello – Tre Cancelli

2° Classificato: Azienda Agricola Arzano Francesco Paolo            Loc. Vacardito

3° Classificato: Donadono Elisabetta                                                Loc. Vastomano

4° Classificato: Zuena Franco                                                            Loc. Mondrigliano

5° Classificato: Stamegna Sandra                                                      Loc. Valle D’itri

6° Classificato: Zangrilli Antonio                                                      Loc. Vacastello

E’ stato inoltre conferito un riconoscimento all’assaggiatore del Capol Damiano Pasciuto, risultato anche quest’anno il miglior assaggiatore della giuria.

E’ sempre maggiore – spiega il presidente del Capol Luigi Centaurila richiesta al Capol da parte dei singoli Comuni che fanno parte dell’areale di produzione della Dop Olio delle Colline Pontine di alimentare e contribuire alle loro attività di promozione e di valorizzazione dei propri oli extravergine. Non essendo più sufficiente l’appuntamento annuale, tutti i concorsi dell’extravergine che si svolgono a livello di territorio comunale, con la partecipazione del Capol e dell’Aspol, prendono il titolo “L’Olio delle Colline” al fine di alimentare il percorso intrapreso nel dicembre 2005

Grande soddisfazione è stata espressa dall’assessore all’agricoltura Francesco Fargiorgio che ha colto l’occasione per sottolineare il significativo miglioramento qualitativo dell’olio prodotto a Itri. E’ stata quindi ribadita l’importanza delle potenzialità olivicole del territorio, sulle quali negli ultimi due anni l’amministrazione comunale guidata da Giuseppe De Santis sta investendo attraverso la promozione di diverse iniziative di formazione e informazione. L’amministrazione per l’occasione ha conferito un riconoscimento al perito agrario Andrea Cerrito di Itri per l’impegno profuso nella diffusione della cultura olivicola nel “territorio Aurunco”.

Commenti

commenti