“Notte d’Arte 2015, la cultura della pace”, sabato 12 dicembre 2015 nel centro storico di Napoli. Arte, musica live, festival culinari e tanto altro ancora, in una notte prenatalizia, che vedrà la nostra città, già tra i primi posti per le presenze turistiche, prendere maggiormente il volo: un bel momento d’atmosfera, di i aggregazione sociale e civile, fatto di napoletani e turisti insieme.
Tanti eventi sono in programma nel territorio della II municipalità tra Port’Alba, Piazza Miraglia, Via Nilo, Piazza San Domenico, Via San Biagio dei Librai, Via Duomo, C.so Umberto, Piazza Borsa, Piazza Del Gesù, Via Benedetto Croce, Via San Sebastiano. Eventi che animeranno la notte bianca di Napoli tra arte, musica live, eventi presso i tantissimi monumenti. Saranno previste anche aperture di musei, chiese, negozi, laboratori, botteghe e scuole. Cominciamo dall’anteprima invernale del Napoli Strit Food Festival, il festival dedicato al cosiddetto cibo da strada. L’evento, che si terrà a Piazza del Gesù, verrà affiancato da Beeretta, la birra in bicicletta, un’altra iniziativa estremamente abile nell’innovare il concetto del fast food. Oltre a ciò, in piazza saranno presenti anche gli stand di Pasta Cordelia, O’ Talebano, Family Food, Fritt Food & More, Johnnypizzaportafoglio, Cuori di Sfogliatella e Autore torrone del Sannio. A piazza Dante saremo coinvolti da musica in strada, con il concerto di Tony Esposito, il concerto-raduno del Movimento Rapper Napoletani. A Piazza Carità si terrà il concerto di Radio Amore. Alla Stazione Metro dell’Università, alle ore 18:30 si terrà un concerto dell’Orchestra Sinfonica dei Quartieri Spagnoli di Napoli. A piazzetta Nilo per la Rassegna Artistica Mutarte #LeNottiDelNilo dalle ore 23.00 GIOVANNI BLOCK, Simone Spirito e Ciro Tuzzi. Musei e Chiese aperti fino a tarda serata.
Molti i musei e le chiese del centro storico ad aderire all’iniziativa, tra cui il complesso di Santa Maria la Nova che ospiterà la visita alla tomba del conte Dracula, ultima tappa di un itinerario esoterico tra i vicoletti del centro ricco di leggende, aneddoti e misteri irrisolti. Per potervi partecipare, basterà pagare 8 euro a persona (esclusi i bambini fino a 12 anni) più altri 5 per l’ingresso al suddetto complesso museale. Mercatino presepiale alla Galleria Umberto I° e fiera dell’artigianato e del design all’interno della chiesa barocca di San Giuseppe a Pontecorvo.
Come si legge nella nota di presentazione dell’evento, “si vuole da un lato valorizzare la grande tradizione della città di Napoli ed in particolar modo del centro storico, quale luogo privilegiato di accoglienza dei popoli di ogni nazionalità, religione, orientamento sessuale, dall’altro promuovere un’iniziativa capace di unire le diverse esperienze degli uomini e delle donne che vivono nei luoghi del centro ponendo l’accento su ciò che unisce e aggrega: l’amore, il lavoro, il rispetto dell’altro, l’arte nelle sue varie espressioni, il territorio”. Si intende quindi dar forza alla realizzazione di tre opere compiute da artisti diversi ma uniti nell’arte e nel sentire che saranno donate alla Municipalità 2 e posizionate nei Quartieri Spagnoli e in altri territori della Municipalità. L’iniziativa voluta, tra l’altro, da AMREF, organizzazione sanitaria no profit presente in Africa che, per l’occasione, organizza un’installazione presso la mostra Magna nel complesso di San Domenico Maggiore.
Una sabato sera che volgerà verso la notte nel bel centro storico di Napoli, tra le luci di Natale, a far sì che l’interesse turistico e culturale della nostra città cresca sempre di più, nella diffusione e conoscenza delle nostre eccellenze.

Commenti

commenti