La WEYOGA presenta Stage di teatro-danza classico indiano – Bharata Natyam a cura della Dottoressa Lucrezia Maniscotti, direttrice dell’Accademia Sangam (affiliata Cid- Unesco), Salon Baire,   via Piscicelli,  36 Napoli.  L’appuntamento è per il 22 Aprile dalle h.14.00 alle h.19.00.
Originario dello stato del Tamil Nadu, lo stile Bharatanāṭya pur avendo origini molto antiche, è uno stile di danza classica teatrale, che si delinea nella forma attuale solo nei primi decenni del Novecento. Caratterizzata da un controllo di tutta la muscolatura che inserisce il corpo in forme geometriche precise e stilizzate, Bharatanāṭya è considerato uno yoga in movimento ed è conosciuto per gli intricati giochi ritmici, per la bellezza delle geometrie del corpo, ma soprattutto per la capacità di farsi teatro di narrazione. Il danzatore diventa a sua volta i personaggi delle storie mitologiche e dei racconti epici e poetici della cultura indiana che interpreta, così come i luoghi che descrive o i sentimenti che incarna. Corpo, anima e mente del danzatore diventano una vera e propria poesia visibile.

 21.00 SPETTACOLO

“SIVA, L’ASCETA DANZANTE”

spettacolo di racconti e danze

In meditazione ai piedi dell’Himalaya o danzate dentro il cerchio di fuoco, Siva è l’eterno, la trasformazione, l’onnipresente. “La sua bellezza seduce tutti, persino i saggi. Con la sua danza crea l’armonia che fa nascere il mondo”. 

Lucrezia Maniscotti, laureatasi presso l’Università degli Studi di Milano con una tesi di Indologia. Si specialzza in Bharatanāṭya presso la scuola Bharata Choodamani di Chennai diretta dal guru Padmashri Adyar K. Lakshman. Debutta al tempio Kapalishwara di Chennai nel 2009 e da allora, si esibisce e insegna regolarmente sia in India che in Italia, dove ha fondato l’Accademia Sangam.

Ultima recensione su quotidiano nazionale indiano “The Hindu”  dell’agosto 2016:

http://www.thehindu.com/features/friday-review/dance/a-fitting-tribute-to-the-guru/article9031972.ece

http://www.lucreziamaniscotti.com/

​INFO

info@weyoga.it

Commenti

commenti