Attori professionisti ma anche clochard che lo diventano. In scena, nell’ex Dormitorio pubblico di Napoli nello spettacolo ‘Mettersi nei panni degli altri’, un gruppo di ospiti dell’attuale centro di prima accoglienza che diretti dal regista Davide Iodice recitano. Il weekend a Napoli per il teatro sociale è anche questa esperienza. Per due ore ogni giorno, il 16, 17 e 18, dalle 16 alle 18, (via De Bustiis)  sono rappresentate storie vere legate ai loro vissuti. Otto stanze per otto storie, a comporre un sorprendente affresco esistenziale e umano, capace di cogliere – e restituire – il valore della dignità di ogni singolo.

Lo spettacolo prosegue il percorso teatrale del regista napoletano  sulla crisi della società contemporanea intrapreso con i precedenti La fabbrica dei sogni e Un giorno tutto questo sarà tuo.

«Caravaggio costituisce un riferimento formale e metodologico costante nel mio lavoro – spiega il regista – quasi un correlativo oggettivo, che qui ho inteso esplicitare assumendo una delle sue opere più identitarie per la nostra città. Da qui sono partito per una ricerca espressiva che continui quella riflessione sulla crisi della società contemporanea avviata nel 2010 con La fabbrica dei sogni e proseguita con Un giorno tutto questo sarà tuo. La perdita dell’identità, la ricostruzione dei sentimenti, la paura della alteritá, la disintegrazione di un sentire collettivo e, al suo opposto, la necessità di essere riconosciuti e accolti, sono alcuni dei temi diversamente declinati nei gruppi di lavoro dall’O.P.G. alla comunità migrante, fino agli ospiti del Dormitorio Pubblico. Qui ritorno con un debito di riconoscenza e con la certezza che l’uomo può essere uomo ovunque».

Interpreti dello spettacolo – che prevede 20 spettatori a rappresentazione – un gruppo formato dagli attori della compagnia e da non attori ospiti del Centro: sono, in o. a., Antonio Buono, Davide Compagnone, Luciano D’Aniello, Maria Di Dato, Giuseppe Del Giudice, Pier Giuseppe Di Tanno, Raffaella Gardon, Ciro Leva, Osvaldo Mazzeca, Vincenza Pastore, Peppe Scognamiglio, Giovanni Villani. Saranno loro i protagonisti e le guide del “viaggio” lungo le stanze del Dormitorio.

 

Commenti

commenti