Napoli candidata a “Capitale Europea dei Giovani 2018”, (European Youth Capital), l’iniziativa lanciata dal Forum Europeo dei Giovani nel 2007. E’ un concorso che premia la città che in Europa ha saputo sviluppare il miglior programma di inclusione delle attività giovanili nel proprio territorio.

Possono partecipare enti/istituzioni, associazioni e gruppi informali che svolgono attività rivolte ai giovani nel territorio Metropolitano della Città di Napoli, inviando il curriculum delle attività svolte fino ad oggi e un’idea di progetto all’indirizzo mail info@napolieyc2018.eu. Saranno valutati i progetti che coinvolgono un numero elevato di giovani tra i 16 e i 35 anni, e che prevedono la partecipazione di altre istituzioni e agenzie educative (es. scuole, parrocchie, istituti penitenziari minorili, associazioni di secondo livello, ecc.). Tutti possono sostenere la candidatura di NapoliEYC2018: soggetti pubblici, privati, ma anche artisti, personaggi del mondo dello spettacolo, della cultura e dell’arte. Le città interessate devono presentare un progetto dettagliato nel quale emergano le iniziative che si vogliono mettere in atto per incentivare le politiche giovanili e rendere i giovani protagonisti non solo della vita sociale, ma anche politica ed economica della città. Non solo lotta alla disoccupazione dunque, ma anche integrazione, cooperazione internazionale, volontariato. Il tutto integrato all’interno di una spiccata dimensione europea. Per spingere la nostra città, l’Assessorato ha anche lanciato un sito dedicato alla candidatura di Napoli come Capitale Europea dei Giovani 2018, a cui qualunque cittadino può partecipare in qualità di sostenitore, supportando la candidatura con l’invio di una foto e di un pensiero originale sul perchè la città dovrebbe vincere il riconoscimento

La decisione di candidare Napoli, che risulta attualmente la città più giovane d’Europa, con il 22% di minori rispetto alla totalità della popolazione, è stata presa dall’Assessorato a Giovani, Politiche giovanili, Creatività e Innovazione nel gennaio 2013, credendo che i giovani rappresentano un ruolo fondamentale per la rinascita e la riscoperta delle potenzialità di tutta la città.  Il loro estro, la loro energia e la loro passione devono essere un trampolino di lancio per la diffusione di politiche economiche e sociali che li rendano protagonisti.

Sono onorata di comunicarvi la candidatura della Città di Napoli al European Youth Capital 2018“. Lo annuncia su Facebook l’assessore comunale ai Giovani Alessandra Clemente. Il titolo di “Capitale europea dei giovani” viene assegnato dal Forum europeo della gioventù (formato da 100 organizzazioni) a una città europea per un anno. Durante questo periodo viene data ai giovani la possibilità di rappresentare lo sviluppo culturale, sociale ed economico della propria citta. “L’obiettivo è consentire ai ragazzi di partecipare attivamente alla costruzione dell’Europa – si legge sul sito dell’organizzazione – e delle società in cui vivono. Dare centralità alle politiche giovanili è un modo per mettere in rete il capitale di creatività e innovazione presente nei ragazzi napoletani. Per migliorare la qualità della vita, la capacità attrattiva della comunità e del territorio attivando così un processo di osmosi tra territorio, capitale umano e artistico“.

 L’obiettivo del riconoscimento è quello di incentivare quelle realtà locali in grado di dimostrare concretamente l’indispensabile ruolo che i giovani hanno nella società, in particolare riguardo all’apporto che associazioni e movimenti giovanili offrono allo sviluppo del fermento civico di una comunità cittadina. Ha la durata di un anno e ha lo scopo di per lo sviluppo culturale, economico e sociale della città che lo riceve, attraverso progetti ed iniziative che hanno come perno l’attività dei giovani. Con la presentazione di progetti innovativi ed articolati, destinati prevalentemente ai giovani e alle loro esigenze, ogni candidata cerca di distinguersi da tutte le concorrenti e di proporre idee in campi delicati come quelli della lotta alla disoccupazione, l’integrazione sociale, la cooperazione internazionale.

Nelle edizioni passate, il premio è stato assegnato a città dislocate in regioni europee molto diversificate, per esempio a Rotterdam in Olanda, Braga in Portogallo, Maribor in Slovenia, Salonicco in Grecia, Cluj-Napoca in Romania. Nel 2010, Torino è stata la prima città italiana a ricevere il titolo di Capitale europea dei Giovani, mentre invece nel mese di dicembre è stato assegnato il premio per l’edizione 2017 alla città di Varna, la terza per dimensioni della Bulgaria.

A decidere la vincitrice sarà una giuria composta da organizzazioni giovanili europee e partner istituzionali, giuria indipendente avrà il compito di selezionare cinque candidati finalisti dal record di venti domande per il titolo EYC 2018. Essi valuteranno ed esaminare tutte le domande nel corso dei prossimi tre settimane e le cinque candidati selezionati saranno annunciati il 29 aprile. ed un’eventuale vittoria ottenuta da Napoli contribuirebbe ancora di più a promuovere la nostra città, ma soprattutto a migliorare le condizioni sociali ed economiche dei tanti giovani che vi vivono. La coalizione in campo per Napoli è composta da ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italani) e Forum Regionale della Gioventù della Regione Campania che, con il Comune di Napoli, può contare su  oltre 150 associazioni del “Registro delle associazioni giovanili di Napoli”. La manifestazione, nata nel 2009, è attribuita da una giuria presieduta dallo European Youth Forum, la piattaforma che riunisce novantanove organizzazioni giovanili in Europa, comprendendo sia i consigli nazionali dei giovani che le organizzazioni internazionali non governative; sponsorizzata dal Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa.

Napoli all’attenzione dell’Europa, Napoli che sogna e che  spera, e che ci fa essere ancora orgogliosi di essere e dirci napoletani. Napoli che guarda al futuro fiduciosa. Una città con un cuore che batte forte, che,  pur con le perenni difficoltà e le mille contraddizioni che l’accompagnano da sempre, ha ancora in sé le caratteristiche  e autorevolezza di una capitale ed è soprattutto, a livello culturale e politico, un punto di riferimento per l’Italia.

La candidatura a Capitale Europea dei Giovani è come un sogno da realizzare, che servirà a riaccendere il cuore di Napoli, con una  possibilità per ripartire attraverso i giovani napoletani. Ma per realizzare i sogni occorre svegliarsi e far ricominciare a battere forte il cuore. E su questo, ci perdonino gli altri, ma i napoletani sono insuperabili. Forza Napoli, ma questa volta non quella calcistica,  ma forza ai Giovani Europei di Napoli.

Eccoci  finalmente qui. Un proverbio italiano dice: – Vedi Napoli e poi muori!, ma io dico: – Vedi Napoli e vivi – perché c’è molto qui degno di essere vissuto”. (Arthur John Strutt)

Commenti

commenti