Napoli #90anni e non li dimostra

Lo sappiamo tutti, il Napoli e campione d’inverno. Non accadeva da 26 anni, è un titolo platonico, ma Napoli è in festa. Una festa che giunge nell’anno in cui la squadra compie 90 anni, precisamente il prossimo 1 agosto.
La ricorrenza è particolare e va onorata nel migliore dei modi. La società azzurra ha deciso di coinvolgere i propri appassionati e ha lanciato su twitter un hashtag (#90annidipassione) per chiamare a raccolta i fan virtuali. “2016 per noi significa 90. Raccontateci le vostre idee per festeggiare al meglio la Storia Azzurra”.E il pubblico non s’è lo è fatto dire due volte: le richieste sono davvero tante.
C’è chi chiede un museo, una partita con le vecchie glorie, il ritorno di Diego Armando Maradona, indimenticato fuoriclasse dei primi due scudetti.“Facciamolo presidente onorario”….. chi vorrebbe uno stadio San Paolo all’altezza, chi propone la pubblicazione di un album con tutti i giocatori che hanno indossato la maglia azzurra dal 1926, chi chiede rinforzi di importanza per la squadra. Ma su tutte le richiesta, primeggia quella più desiderata, il regalo più gradito, “Vogliamo il terzo scudetto”.
Luigi De Laurentiis, figlio del presidente del Napoli e produttore cinematografico, sul proprio profilo di Twitter ha voluto fare gli auguri di buon 2016 a tutti i tifosi del Napoli: “Buon Anno a tutti I Napoletani e Soprattutto 90 anni di Napoli!!!!! 1926-2016!!!!!!!”.
Si calcola che ci siano più di cinque milioni di tifosi del Napoli in Italia e nel mondo. Tifosi sono quelli che una volta si chiamavano supporters, sostenitori. Nel calcio, i tifosi sono più che sostenitori, e i tifosi napoletani sono tifosi molto speciali. In Italia rappresentano la terza tifoseria più numerosa, dopo la Juventus e l’Inter. Il legame dei tifosi napoletani con la squadra di calcio non si esaurisce alla domenica, o nel giorno in cui si gioca la partita: il Napoli è argomento di discussione per tutta la settimana, ma anche tutto l’anno, con campionato in corso, mercato di acquisti, e periodo di preparazione. Sempre, per trecentosessantacinque giorni all’anno. Le vicende della squadra sono occasioni di espressione di esaltazione, sdegno, ironia, capacità di creare tale ti poetici e canori. L’amore per il Napoli come un romanzo struggente e travolgente, una storia infinita che dura da anni, fatto di rimonte, sconvolgimenti, passioni infinite ed emozioni travolgenti. È un rapporto di passione viscerale, perché da sempre il tifoso napoletano ha caricato la partita e la squadra di significati e importanza estrema. In una città come Napoli, a volte incompresa e maltrattata, la squadra di calcio rappresenta l’unico strumento di visibilità e affermazione, interpretando i sogni, le ambizioni, le rivalse e il successo della città. Il Napoli Calcio, favola reale dei napoletani, sogno sfrenato, passione comune ad ogni ceto sociale. È un fenomeno non solo sportivo, capace di eccitare la fantasia, ridestare gli orgogli assopiti, fino a creare una sorta di partecipazione, che non è soltanto complemento dello spettacolo, ma vero e proprio protagonismo, nel quale ogni tifoso giunge a sentirsi calciatore, ma soprattutto allenatore, e lo stadio teatro di uno spettacolo unico al mondo.
Il sole non tramonta mai al San Paolo. Quando l’orizzonte imbrunisce e le ombre si allungano, proprio lì i desideri di avverano. Così vince il Napoli, col “quando meno te lo aspetti”, al rimbalzare del pallone sul campo, ecco il gol all’ultima giocata. La gioia inaspettata, l’urlo che ti libera dai pensieri contrastanti, il cuore balla sul filo come un acrobata. E la felicità pura, giocata con un testa o croce: da un lato si vive, da un lato si muore. Il Napoli, una squadra che ha portato la realtà al di sopra dell’immaginazione, a conferma della sua anima immortale. Ed è questa la vera essenza che resterà nella storia di un Napoli che sta già vivendo nella leggenda. Per ora mezzo scudetto è nostro, e mezzo regalo per il compleanno è fatto; per l’altra metà appuntamento alla fine di maggio, e che sia un grande regalo, per grande festa di compleanno, per il Napoli e per tutta Napoli.

Commenti

commenti