Nuove molecole per la terapia antitumorale che modificano le attività dei geni senza alterare la sequenza del Dna e un enzima sintetico che rivoluziona le analisi immunologiche permettendo diagnosi precoci sono i progetti di due start up napoletane, Epic-C e InKidia, vincitrici della prima edizione di Tech Hub con un finanziamento, ciascuna, di 50mila euro. Cinque premi di 30mila euro, anche per un’ innovativa piattaforma di produzione di dolcificanti proteici(Isweetch) e una tecnostruttura per le infrastrutture di rete(NM2). Sul podio anche un sistema di controllo biometrico con piattaforma integrata(BS Cube) ; una rete di monitoraggio dell’inquinamento atmosferico da particolato (Ala) e un processo di produzione di strutture di osso sintetico personalizzabili (Fastbone).

Tech Hub è il progetto di accelerazione e di creazione, nel territorio napoletano, di start up con potenziale significativo di crescita dimensionale e rilevanti contenuti di tecnologia ed innovazione.  Grazie alla prima edizione di questa iniziativa realizzata dalla Camera di Commercio di Napoli insieme all’Università Federico II e il Banco diNapoli, ben sette delle venticinque idee imprenditoriali trasformate, grazie a Tech Hub, in veri e propri progetti finiti con modello di business condiviso attraverso un percorso di Alta formazione, sono premiate con un contributo di 50mila euro per le prime due e 30mila euro per le restanti cinque, per un totale di 250mila euro erogati dalla Camera di Commercio di Napoli.

Grazie allo sforzo congiunto di tutti i soci istituzionali – ha sottolineato il presidente della Camera di Commercio, Maurizio Maddaloni –  siamo riusciti a realizzare per la prima volta a Napoli nel settore dell’innovazione e delle start up, una qualificatissima ‘arena di investitori’ che ha ascoltato, dalla viva voce dei protagonisti, ovvero delle 25 imprese che hanno superato tutte le fasi di selezione e di dura e qualificata formazione tecnica nel corso del 2014, i contenuti delle loro idee imprenditoriali, tutte pronte a trasformarsi in occasione di business e di sbocco sui mercati nazionali e internazionali”.

Per il rettore dell’Università Federico II, Gaetano Manfredi: “ Tech Hub rappresenta un elemento importante dell’ecosistema che la nostra Università sta creando per trasformare le idee in impresa. Tra i progetti selezionati figurano numerosi spin off della Federico II ad elevato contenuto di innovazione tecnlogica”.

Commenti

commenti