La stampa, i media e i cittadini tutti
sono invitati a partecipare lunedì 25
gennaio alle ore 18:00, nel foyer del
Teatro Augusteo di Napoli, alla
conferenza stampa organizzata
dall’associazione “Amici della
Biblioteca Statale Oratoriana dei
Girolamini di Napoli”.
La Biblioteca dei Girolamini, una delle più prestigiose al mondo, ha bisogno di aiuto.

L’associazione Amici della Biblioteca dei Girolamini ha organizzato un evento, che si
terrà a Napoli nel foyer del Teatro Augusteo in Piazzetta Duca D’Aosta 263, lunedì 25
gennaio alle ore 18:00, in presenza di personalità illustri della cultura e delle istituzioni
italiane, per sostenere e dare un forte impulso alla rinascita della storica monumentale
biblioteca, vittima del saccheggio realizzato tra giugno 2011 e aprile 2012, attraverso cui
sono stati depredati circa 4.000 volumi rarissimi. Da allora, migliaia di opere sono state
recuperate grazie all’attività della Procura della Repubblica di Napoli e dei Carabinieri del
Nucleo di Tutela del Patrimonio, attività che tutt’ora continua pur nelle difficoltà derivanti
dall’assenza di inventari del patrimonio preesistente. Al riguardo, è necessario il
restauro, il riordino e la catalogazione dei preziosi volumi, oltre che personale di fiducia a
tutela degli stessi. Dunque l’intento di questo  incontro è sensibilizzare e stimolare
l’intervento di tutti quanti condividano l’amore per i libri, per la cultura e per la nostra
città, proponendo una sottoscrizione per il restauro delle opere più preziose, mutilate
dagli autori dello scempio. L’associazione Amici della Biblioteca dei Girolamini proporrà
infatti una raccolta fondi per il restauro delle più importanti opere danneggiate,
contribuendo attivamente agli interventi programmati dall’Amministrazione per la
riapertura della Biblioteca, in previsione della conclusione delle indagini da parte della
Magistratura. Questo l’appello lanciato da Mauro Giancaspro, presidente
dell’Associazione: “Tutti i napoletani che avvertono questo legame con una parte
rilevante e prestigiosa della propria città sono invitati a partecipare all’incontro. Il 2016
dovrà e potrà essere, con il contributo di tutti noi, l’anno della rinascita della Biblioteca”.

Commenti

commenti