FUTURO REMOTO 2016 ‘COSTRUIRE’ piazza del Plebiscito 7-8-9-10 OTTOBRE

TUTTIGLI EVENTI

7-ottobre-2016-futuro-remoto

8-ottobre-2016-futuro-remoto

9-ottobre-2016-futuro-remoto

10-ottobre-2016-futuro-remoto

 

E’ il cibo uno dei protagonisti della trentesima edizione di FUTURO REMOTO che apre oggi a Napoli ed è in programma sino al 10 ottobre. Quest’anno oltre a personalità del calibro di Piero Angela e di scienziati nazionali ed internazionali il tema ‘COSTRUIRE’ declina anche i diversi volti dell’alimentazione. Ad analizzare aspetti scientifici, tendenze e prospettive saranno una serie di incontri e seminari che hanno per responsabili scientifici Pietro Campiglia, Professore ordinario di Chimica Farmaceutica presso il Dipartimento di Farmacia dell’Università degli Studi di Salerno presso cui insegna Chimica Farmaceutica II e Analisi dei Farmaci I,  Nicola Caporaso, Professore Ordinario di Gastroenterologia, Direttore della Scuola di Specializzazione in Gastroenterologia e VicePresidente della Scuola di Medicina dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, Raffaele Sacchi, Professore ordinario di Scienza e Tecnologia dei Prodotti Alimentari presso il Dipartimento di Agraria dell’Università di Napoli Federico II.

 Diverse sono le sezioni. Al cibo si richiedono qualità nutrizionali ma non solo. Rilevanti sono caratteristiche per ottenere benessere fisico e prevenzione/cura delle malattie. Gli scienziati, dunque, nei diversi incontri riflettono e spiegano sulla ricerca nel settore alimentare al fine della Identificazione delle componenti salutistiche dei singoli alimenti, specie quelli caratteristici dell’area mediterranea, dello studio degli effetti biomolecolari degli alimenti che, oltre a fornire sostanze nutritive, hanno funzione bioattiva in grado di modulare la funzionalità di cellule e tessuti e dell produzione di alimenti funzionali con documentate proprietà salutistiche sia se utilizzati da soli sia come adiuvanti di terapie farmacologiche.

In particolare si affronteranno anche modalità per combattere il fondamentalismo alimentare ed ortoressia, quando questi suggeriscono comportamenti senza basi scientifiche solide, procurando danni spesso irreversibili.

Per informazioni:
contact@cittadellascienza.it
+39 081 7352 220   +39 081 7352 222
fax +39 081 7352 224




Università degli Studi di Napoli Federico II con: Dipartimento di Agraria, Dipartimento di Biologia, Dipartimento di Medicina Clinica e Chirurgia, Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali, Dipartimento di Scienze Mediche Traslazionali, Dipartimento di Studi Umanistici,
Seconda Università degli Studi di Napoli con: Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale "Luigi Vanvitelli", Dipartimento di Scienze e Tecnologie Ambientali, Biologiche e Farmaceutiche, Dipartimento di Scienze Mediche, Chirurgiche, Metaboliche e dell’Invecchiamento, Dipartimento Medico-Chirurgico di Internistica Clinica e Sperimentale “F. Magrassi – A. Lanzara”, U.O.C. di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo, U. O. C. di Diabetologia

Università degli Studi di Napoli L’Orientale con: Unità di ricerca Società e Culture dell’Asia Meridionale

Università degli Studi di Napoli Suor Orsola Benincasa con: MedEatResearch -  Centro di Ricerche Sociali sulla Dieta Mediterranea

Università degli Studi di Salerno con: Dipartimento di Farmacia - Università Popolare del Pollino

Università Popolare del Pollino

Consiglio Nazionale delle Ricerche con: Istituto di Bioscienze e Biorisorse UOS Portici, Istituto di Biostrutture e Bioimmagini, Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno di Portici

Museo Nazionale Preistorico Etnografico Luigi Pigorini di Roma

Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni

Decò

Slow Food Campania

Associazione Culturale I.D.E.A. Intercultural Development for Environment and Arts Napoli

Fondazione Plant G&M

A.C.S.I.A.N. Onlus, Cooperativa Sociale

Ristorante Luna Rossa di Terranova di Pollino

Analisi Sensoriali Associati Napoli

Commenti

commenti