La notte tra il 23 e 24 novembre prossimi dal Cosmodromo di Baikonur, la navetta Soyuz, avrà a bordo una protagonista straordinaria. E’  il Capitano Samantha Cristoforetti, prima astronauta italiana sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) per circa sei mesi.  La Cristoforetti farà parte della  Missione “Futura” ed è la seconda di lunga durata dell’Agenzia Spaziale Italiana ed avrà, in questa occasione, come protagonista l’astronauta ESA e pilota militare quale Flight Engineer e membro dell’equipaggio della spedizione ISS 42/43. Compagni di viaggio di Samantha saranno il russo Anton Shkaplerov, Comandante della navicella e l’americano Terry Virts, Flight Engineer. L’astronauta  è stata nei giorni scorsi all’Accademia Aeronautica di Pozzuoli nell’ambito delle attività formative mirate a diffondere, in Aeronautica Militare, le conoscenze innovative e tecnologiche legate al concetto di spazio a supporto delle capacità operative.

 La Cristoferetti è ritornata dopo 13 anni all’Accademia, dove dal 2001 ha frequentato l’Accademia Aeronautica di Pozzuoli, in Italia, diplomandosi nel 2005. Durante la sua permanenza all’Accademia ha prestato servizio come “class leader” e le è stata assegnata la Spada d’Onore per il miglior raggiungimento accademico.

L’Accademia Aeronautica è un istituto militare di studi superiori a carattere universitario che ha il compito di provvedere al reclutamento ed alla formazione dei giovani che aspirano a diventare ufficiali dell’Aeronautica Militare in servizio permanente effettivo. Frequentando i corsi regolari dell’Accademia si può diventare sottotenenti dell’Arma Aeronautica, nel ruolo Naviganti normale (piloti e navigatori) e nel Ruolo Normale delle Armi, del Corpo del Genio Aeronautico, del Corpo di Commissariato Aeronautico e del Corpo Sanitario Aeronautico.

Commenti

commenti