Fertilità, come averne cura

In occasione del mese dedicato alla donna e al giorno della fondazione dell’ospedale di Santa Maria del Popolo degli Incurabili (23 marzo 1522), mercoledì 22 marzo 2017 alle ore 18:30, presso il Museo delle Arti Sanitarie del Complesso degli Incurabili di Napoli, si terrà la presentazione del libro “Abbi cura della tua fertilità” di Daniela Dale, edito GrausEditore nella collana Coralli. Prima della presentazione, in collaborazione con Gennaro Rispoli, Primario Chirurgo Ospedale Ascalesi e Direttore del Museo delle Arti Sanitarie di Napoli, sarà possibile visitare il Complesso degli Incurabili, un luogo simbolo della storia della Medicina, dove l’arte incontra la scienza. Inoltre, il ricavato delle mille copie dedicate all’autrice sarà devoluto in beneficenza ad un’ospedale pediatrico di Napoli.

Il luogo

L’Ospedale degli Incurabili, capolavoro del barocco e del rococò, fu edificato il 23 marzo 1522 per volontà della nobildonna catalana Maria Lorenza Longo, filantropa e fondatrice del monastero “di Santa Maria in Gerusalemme” (locali annessi all’ospedale degli Incurabili), una donna sempre attenta alle necessità dei bisognosi. Per essi pensò di edificare questo Luogo di cura per le malattie non curabili, quali la sifilide, giunta in Italia dopo la scoperta delle Americhe e diffusasi a Napoli a seguito dell’invasione delle armate di re Carlo VIII nel 1494. La Longo creò questa struttura sanitaria che è sopravvissuta fino ad oggi come testimonianza della storia della medicina a Napoli. Passeggiando tra i reparti dell’ospedale, si possono ammirare spazi dove l’arte resiste al tempo, evocando lo splendore di un passato glorioso. Si possono rivivere la splendida Farmacia storica, l’orto medicinale, la cappella Montalto, il Museo delle Arti sanitarie e il chiostro di Santa Maria delle Grazie. La Farmacia settecentesca è considerata un capolavoro assoluto della scienza medica napoletana d’età illuministica.

Il libro

Negli ultimi tempi c’è stato un aumento esponenziale di casi di infertilità, sia maschile che femminile. La fertilità è un tema caro per tutti coloro che hanno il sogno di diventare genitori. Tuttavia si tratta di un argomento delicato che ancora oggi non viene affrontato con cura e attenzione nelle istituzioni o nelle famiglie. Spesso le coppie che non hanno l’opportunità di avere un figlio “naturalmente”, si ritrovano sole e alienate e, anche qualora trovino aiuto in centri specifici di fecondazione assistita, non sempre si sentono psicologicamente preparati ad affrontare il percorso proposto dai medici. La dottoressa Daniela Dale, del Centro di fecondazione assistita di Napoli, ha ideato questo libro presentandosi al lettore come amica, prim’ancora che medico, per supportare tutti coloro che si sentono confusi e smarriti sull’argomento. Attraverso un percorso introduttivo che parte sin dagli albori della storia umana, dove gli uomini idolatravano gli Dei affinché la donna fosse fertile, si arriva alla nascita dei primi studi sul binomio fertilità/infertilità e sulle possibili cause. Successivamente il libro si suddivide in dodici capitoli che si propongono diversi obiettivi, tra cui: il conoscimento del nostro corpo; la fertilità nell’uomo e nella donna; le possibili cause di infertilità; le varie tecniche attuali di fecondazione assistita e la presenza di alcune testimonianze dirette di coloro che si sono già sottoposti ai trattamenti di centri specifici. 

L’autrice, in conclusione, ricorda una cosa fondamentale: “Essere genitore resta a mio parere uno tra i gesti di altruismo e di amore incondizionato più grandi in assoluto, dove si è chiamati a dare tanto, a rinunciare a tanto, a sacrificarsi tanto, tutto per l’amore dei propri figli senza aspettarsi nulla in cambio”.

L’autore

Daniela Dale. Dal 2008 al 2011 Direttrice presso Reproductive Strategies London. Ha collaborato con Zita West, London pioniera nella fertilità naturale,  nei trattamenti olistici della fertilità e con il dottore Bill Smith, esperto in ecografia dell’apparato riproduttivo e fondatore del clinical Diagnostic Services CDS. Embriologa, presso il CFA dal 2000, è dal 2005 Direttrice del programma di Donazione presso il CFA di Napoli.

Info e adesione di partecipazione al numero 081440647 (Museo delle Arti Sanitarie)

Commenti

commenti