Fermaletuemani, foto contro la violenza

Una mostra fotografica, legata al simbolo delle scarpette rosse e promossa dall’Associazione “Fermaletuemani”, è stata allestita dal 7 al 15 aprile nelle sale dell’Emeroteca-Biblioteca Tucci. La rassegna fotografica di Lisa Giannetta propone uomini e donne di tutte le età e ceto sociale che s’improvvisano testimonial contro la violenza sulle donne: sono foto scattate tra Napoli e Firenze, nelle scuole, per strada e nelle discoteche.

Senza voler proporre immagini violente, la mostra – che per l’occasione di essere allestita in un’emeroteca alterna anche pagine di cronaca che raccontano gli eventi più noti di violenza sulle donne – mette in rassegna persone anonime che desiderano solo testimoniare che il vero amore non uccide. Foto semplici ma molto significative che mostrano un cartello in cui è scritto “L’amore non uccide” e “Ferma le tue mani” e “impugnano” una scarpa rossa.

Il simbolo  – come ricorda nelle prime bacheche della mostra Lisa Giannetta – fu scelto dall’artista messicana Elina Chauvet per denunciare il fenomeno del femminicidio nel 2009 a Ciudad Juárez, la città nel nord del Messico dove dal 1993, centinaia di donne sono rapite, stuprate e uccise.

 

Commenti

commenti