“Comunità= scuola= città “, con questo slogan l’ Università degli Studi di Napoli presenta:“Federico II nella città con la città per la città”, seconda edizione di F2 Cultura, offerta culturale che l’Ateneo rivolge alla sua comunità alla scuola e al territorio, in cui l’Università esce dalle sue aule e dai suoi laboratori per mettersi in gioco sui territori. Finalità del progetto-evento è creare un rapporto costante con la città in continua simbiosi e confronto, di promuovere un sapere diffuso, che solleciti l’interesse dei cittadini, investendo sulla cultura e soprattutto sui giovani della scuola. Un ‘cartellone’ annuale di iniziative culturali presentato dal Rettore dell’ateneo Fridericiano, Gaetano Manfredi e il Prorettore, Arturo De Vivo, nella Sala del Consiglio di Amministrazione del Rettorato dell’Università Federico II di Napoli, alla presenza di docenti e della stampa. Già ricco di oltre cento eventi, è inteso come un work in progress, sempre aperto a nuove idee, dove la cultura declinata nelle sue forme più nobili, poesia, letteratura, musica e arte, si affianca alla scienza e talvolta vi si intreccia. Un Insieme denso di iniziative culturali che spaziano dalla storia al cinema, dalla scienza all’arte, dalla letteratura alla poesia contemporanea, espressamente rivolte ai cittadini, ma soprattutto alle scuole, epicentro di una comunità di apprendimento che vede impegnati i giovani insieme agli insegnanti e alle famiglie. Il pezzo forte è il sito, creato appositamente, www.f2cultura.unina.it, come una bussola di riferimento presente sul territorio per gli studenti e i cittadini, facilmente consultabile, diviso in sezioni per argomento ed eventi attinenti. Un viaggio che percorrere ogni forma di cultura, che ha inizio in questi giorni fino a concludersi nel maggio 2016, con il Compleanno di Federico, giunto a 792 anni. Tra le numerose iniziative che si svolgeranno lungo tutto l’arco dell’anno, si parte con l’oramai consolidato appuntamento di “Come alla Corte di Federico”, e in piu, un programma di grande rilievo , dal titolo “Parlando di…”, suddiviso per tema. Quello della “Letteratura”, prevede, tra l’altro, “I saperi di fronte a Dante”, una serie di incontri con Luciano Canfora, Massimo Cacciari, Luca Serianni, Gianfranco Ravasi, Ivano Dionigi; “Raccontare il lato oscuro dell’anima camminando in città”, Seminario sulla scrittura di noir e gialli con Maurizio De Giovanni. Per la “Poesia Contemporanea”, convegni e dibattiti su Gabriele Frasca. La “Scienza”, si fa riferimento al tema 2015 dell’Anno della Luce, con diversi incontri sul tema della fisica e astrofisica, e seminari sull’energia. In collaborazione con la Stazione Zoologia Dohrn e Città della Scienza “Nel segno di Darwin”. Una sezione particolarmente sentita è quella dello “Sport….in Accademia”, valore sempre più condiviso e diffuso all’interno dell’università stessa, dove ci aspettano giornate dedicate alla medicina, alla nutrizione, alla letteratura sportiva, allo sport e società. Per la “Storia” incontri di attualità. La sezione “Cinema”, presenta proiezioni di film in lingua originale, a cura del CLA, centro linguistico dell’Ateneo. Passeggiate nei Musei scientifici e storici napoletani, si avranno nel corso dell’anno e riguarderanno la sezione “Musei”. Per tutti gli amanti della “Musica”, in particolar modo di quella classica e sinfonica, uno splendido matrimonio con l’Orchestra Scarlatti, con una serie di concerti per tutto il periodo, tra cui quello di Natale al Teatro Mercadante, quello di Capodanno al Teatro Mediterraneo, e il Concerto della Primavera, nella Chiesa di Ss. Marcellino e Festa. L’università e il “Teatro”, convenzioni stipulate con il Teatro San Carlo e il Teatro Mercadante, consentirà di assistere ad alcuni spettacoli con prezzi scontati. Nota di aggregazione gioiosa è vissuta nella sezione “Cultura in Festa”, con eventi collegati al periodo natalizio, vissuti nell’orto Botanico di Portici e nella Reggia di Portici, ed altri a Carnevale e a Maggio. Partners del grande evento: il Comune di Napoli, la Regione Campania, la Fondazione Banco Napoli e l’Ordine degli Ingegneri. “La Federico II, con la sua comunità, fatta di circa 100.000 persone tra studenti, professori e amministrativi, è una città all’interno della città”, ha dichiarato il Rettore Gaetano Manfredi, “Questo rapporto tra città e ateneo è il tema al centro della riflessione culturale che vogliamo portare avanti sempre piu con convinzione e con entusiamo con F2cultura”.

Commenti

commenti