L’Expo 2015  in Italia dovrebbe portare 59 milioni di arrivi di turisti, pari a 8 milioni di stranieri in più rispetto allo stesso periodo del 2014, secondo la prima analisi del settore di Coldiretti e questi flussi “genereranno una spesa aggiuntiva stimata in 5,4 miliardi”Milano, Venezia, Firenze, Roma e Napoli sono tra le tappe irrinunciabili di visita, ma non manca la richiesta di percorsi alternativi alla scoperta delle produzioni alimentari tipiche, dalle campagne toscane a quelle piemontesi, dall’Emilia alla Puglia fino in Sicilia dove il buon cibo viene abbinato al mare.

L’occasione della prima analisi è la presentazione del “Terminal del Gusto” che, nel porto di Civitavecchia, in località denominata Calata Principe Tommaso di Savoia, progetto che dovrebbe dare nuova vita agli antichi mercati Traianei e con il compito di accogliere i turisti croceristi e passeggeri in transito sui traghetti per le isole maggiori.

“L’agroalimentare Made in Italy si afferma – sottolinea la Coldiretti – come il vero motore della presenza dei turisti stranieri in Italia per l’Expo che si traduce in occasioni per mangiare fuori, ma anche nell’acquisto di souvenir del gusto. La spesa media per arrivo è stimata in 675 euro ed è destinata per un terzo (32 per cento) all’acquisto di prodotti alimentari o ai pasti consumati in ristoranti, trattorie o pizzerie.

Nel dettaglio – precisa la Coldiretti – il 18 per cento delle spese sostenute da turisti stranieri nel corso del soggiorno in Italia per l’Expo sono riconducibili ai pasti consumati in ristoranti, pizzerie, bar, caffè e rosticcerie per un totale di oltre un miliardo di euro ai quali vanno aggiunti 750 milioni di euro riconducibili all’agroalimentare per acquisti in supermercati e negozi di prodotti tipici locali che pesano per il 14 per cento. L’acquisto di prodotti tipici come ricordo della permanenza in Italia per l’Expo è favorita – sottolinea la Coldiretti – dalle molteplici occasioni di valorizzazione dei prodotti locali avviate lungo tutta la penisola, con percorsi enogastronomici, città del gusto, mercati degli agricoltori di Campagna Amica, feste e sagre di ogni tipo. L’Italia è l’unico paese al mondo che – precisa la Coldiretti – puo’ contare anche sulla leadership europea nella produzione biologica e nell’offerta di prodotti tipici con ben 269 denominazioni di origine riconosciute a livello comunitario, 4813 specialità regionale e 415 vini di alta qualità, ma anche una presenza di residui chimici nei cibi di appena lo 0,6 per cento, dieci volte inferiore alla media dei Paesi extracomunitari e meno della metà della UE.

Tra le altre voci di spesa significative ci sono quelle per l’alloggio e i trasporti che – stima la Coldiretti – assorbono il 25 per cento del budget disponibile per un totale stimato in 1,35 miliardi, anche per effetto dei rincari che si sono verificati attorno all’area espositiva e quelle nell’acquisto di abiti, calzature ed altri oggetti di manifattura per un importo di oltre 1,3 miliardi, pari al 24 per cento. Piu’ contenute le spese per attività culturali, ricreative e di intrattenimento svolte durante il soggiorno in Italia per una cifra che supera i 900 milioni (17 per cento)

L’ Expo avrà veramente successo solo se sapremo create le condizioni per prolungare il soggiorno dei visitatori stranieri al di fuori della area espositiva di Milano con nuove attrazioni lungo tutta la Penisola nelle città e nelle campagne”, ha affermato il Presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare che “l’Italia puo’ contare su un sistema di quasi ventunmila agriturismi, quasi diecimila fattorie e mercati degli agricoltori dove poter acquistare prodotti genuini direttamente dal produttore, ma anche su iniziative ad hoc per lasciare della permanenza in Italia un ricordo indimenticabile”.

LE SPESE DEI TURISTI STRANIERI IN ITALIA PER L’EXPO

Voce di spesa Milioni di euro %
Pasti consumati in ristoranti, trattorie e pizzerie 1000 18
Acquisti alimentari in supermercati e negozi di prodotti tipici locali 750 14
Alloggio e trasporti 1350 25
Abiti, calzature e altri oggetti di manifattura 1300 24
Attività culturali, ricreative e di intrattenimento 900 17
Altro 100 2
Totale 5400 100

Fonte: Elaborazioni Coldiretti

Commenti

commenti