“La Mostra d’Oltremare  con Parco dei divertimenti costituisce una delle ultime opere di architettura contemporanea di rilevante valore. Noi abbiamo competenza su alcuni elementi di architettura come le porte con Archi, ingresso Amicarelli, Laghetto, Birreria ma non abbiamo competenza sulle Giostre” cosi’ il soprintendente ai Beni architettonici, Giorgio Cozzolino che nel   corso di una conferenza stampa chiarisce la situazione delle procedure di rilascio dei pareri di competenza per l’esecuzione opere nel Parco dei divertimenti. Il sito che risale agli anni ’40 e’ in parte vincolato e nel corso degli anni sono stati realizzati volumi oggetto di procedure di condono pari a 11 mila metri cubi di cui 750 metri cubi sarebbero condonabili.

“Gli interventi che dovranno essere eseguiti nelle parti vincolate dovranno rispettare la ‘ lettura filologica del sito cosi’ come progettato. Alcuni volumi dovranno essere abbattuti perche’ sono in atto procedure da parte della Procura della Repubblica” spiega Cozzolino.

 

 

 

 

 

Commenti

commenti