E’ già festa per Sant’Antuono

Campania, regione di feste e tradizioni  religiose. Il 2016 inizia  subito alla grande,  con la  Festa  in onore di Sant’Antuono, Sant’Antonio Abate, a Macerata Campania, in provincia di Caserta,  sino al 17 gennaio, con nuovi carri, noti come le Battuglie di Pastellessa, portati  in processione. Festività  importante  in Campania, fatta di  momenti storici, culturali, artistici–folcloristici, e di momenti dedicati al culto del Santo. Sant’Antonio Abate è il primo degli abati e uno dei più illustri eremiti della storia della Chiesa. Nell’iconografia è raffigurato circondato da donne procaci (simbolo delle tentazioni) o animali domestici (come il maiale), di cui è popolare protettore. E’ invocato contro tutte le malattie della pelle e contro gli incendi. Veneratissimo lungo i secoli, il suo nome è fra i più diffusi del cattolicesimo. Nell’Italia Meridionale per distinguerlo da Sant’Antonio di Padova è chiamato “Sant’Antuono”.Il culto per Sant’Antonio Abate a Macerata Campania ha origini antichissime e con molta probabilità si può far risalire al XII secolo

La manifestazione in onore del Santo,  a Macerata Campania, si apre venerdì 8 gennaio  con la Notte dei Carri che,  sino alle ore 23.00, permetterà ai visitatori di assistere presso i vari rioni della città agli ultimi preparativi dei Carri di Sant’Antuono e alla prova generale delle Battuglie di Pastellessa. Il 17 gennaio, nel giorno di Sant’Antonio Abate,  la Processione e la Santa Messa a Lui  dedicata,  che si svolgerà all’aperto,  fra i Carri di Sant’Antuono che partecipano alla festa e che saluteranno il Santo a colpi di botti, tini e falci. Tra le battuglie che parteciperanno: L’ombra nov’, Suoni antichi, ‘U carr’ ‘e Casavr’, ‘A Cantenella, I wagliun ra vie ‘e for, ‘U carr’ ‘e vasc’ ‘o vasto, ‘A cumpagnia ‘e Sant’Antuono, ‘A gioventù nov’, L’epoca nov’, Cantica popolare, Battuglia libera, I ragazzi del 2000, La compagnia del 2011, La piccola compagnia de “I punto esclamativo”, Cantica popolare caturanese, Gli amici di Sant’Antuono, Pastellesse sound group, ‘E facce nov’, La compagnia de “I punto esclamativo”, ‘A cumpagnia nov’. Una festa  caratterizzata da quattro momenti legati alla devozione e alla tradizione folkloristica maceratese:il fuoco, il cippo di Sant’Antuono, purificatore che ricorda come questo Santo sia considerato anche il vincitore del male, colui che sconfisse il diavolo; la sfilata dei Carri di Sant’Antuono, ovvero delle Battuglie di Pastellessa, con carri allegorici  su cui trovano alloggio le Battuglie di Pastellessa,  composte da oltre 50 percussionisti, i Bottari di Macerata Campania  che ripropongono  tipiche  musiche  accompagnate dai canti tipici, dove botti, tini e falci, usati come strumenti a percussione, scandiscono poliritmie dai significati lontani e profondi; i  fuochi pirotecnici figurafi, che, il 17 gennaio, a mezzogiorno, nella piazza principale di Macerata Campania  vengono fatti esplodere, alla presenza della signora  (‘a signora ‘e fuoco), del maiale  (‘o puorco), di un asino  (‘o ciuccio) e di una scala (‘a scala). E infine la riffa:  è il momento di chiusura, con il riffatore che vende all’asta  tutti i beni raccolti durante la processione del Santo oppure offerti in precedenza dai credenti.

Nelle giornate della manifestazione  sarà, inoltre,  possibile visitare: la Chiesa Abbaziale di San Martino Vescovo, dove è conservata la Venerata statua di Sant’Antonio Abate; la Mostra “Macerata Campania, città che suona” nella Chiesa Abbaziale di San Martino Vescovo, in cui verranno esposte foto e creazioni artistiche dedicate alla festa; la Villa Comunale e il Palazzo Piccirillo in cui verrà allestita una mostra inerente la coltura della canapa e le tradizioni locali; i Carri di Sant’Antuono parcheggiati nelle vie  Gobetti  e Nenni. Si potrà  degustare,  nello stand gastronomico in Piazza San Martino, la tipica past’e’llessa, ovvero la Pasta con le castagne lesse, selezionata nel 2011 come uno dei 150 piatti tradizionali che più rappresentano le caratteristiche culturali e storiche dell’Italia.

L’evento organizzato dalla Chiesa Abbaziale San Martino Vescovo diretta dall’Abate don Rosario Ventriglia con l’Associazione Sant’Antuono ” le Battuglie di Pastellessa di Macerata Campania, accreditata come NGO presso l’UNESCO, con il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, della Regione Campania, della Provincia di Caserta, del Comune di Macerata Campania e del Comitato per la Promozione del Patrimonio immateriale ICHNet.

“Vedite che ve caccia Macerata pe chistu Santo vanno ascì a mpazzì.Se scassano i strumiente int’a sunata,ma chistu vizio nun se po perdì.Ce sta Pascal a Vorp ca pur’iss fa furoree quas tutt’ ll’ann semp a votta adda scassà.A festa e Sant’Antuono è n’alleria’e suon e sti guagliun a pazzià.Dicen tutt’a gent e sti paise”Jammo a verè a festa e n’anno fa”.Sunammo caccavelle, siscarielle, scetavaiasse e bughetibbù’e fest comm a chesta nun se ne fanno cchiù.Vedite che ammuina ngopp a chiesa,se spar o ffuoco che è na rarità.Chill ca port o ciuccio corr e spara’e a gent allucca e corre pe scappà.Ce sta Pastellessa ca pur isso se ra a fa,o carr ammartenat della banda a cumannà.Verit Pastellessa che v’ha saput fa.Sunammo caccavelle, siscarielle, trummettelle e bughetibbùna festa comm’a chesta nuie nunn’a verimme cchiù”.

 

 

 

Commenti

commenti