Breaking news
  • No posts where found
0°C Can't get any data. Weather

,

Opinioni

Napoli miglior set cinematografico d’Italia

NAPOLI MIGLIOR SET CINEMATOGRAFICO D’ITALIA “A Napoli si stanno girando in questi giorni 10 importanti produzioni cinematografiche e televisive. La città e’ il più importante” set “del Paese. Potete chiedere cosa pensano della collaborazione del Comune i produttori ! Come si attuerà la nuova legge sul cinema e gli audiovisivi? Legge che tutti abbiamo salutato con compiacimento. Posso rammentare che il Comune non fa parte della Film Commission ? Che

In memoria di me

“In memoria di me”. Un ricordo commosso di Raffaella Pandolfi. Se l’è portata via l’estate, la stagione che la vedeva sempre protagonista, con i suoi formidabili saggi e spettacoli, Raffaella Pandolfi, ballerina, coreografa, maestra di danza, uno dei volti più amati della Penisola sorrentina. Avrebbe compiuto 51 anni dopo poco più di un mese. “La danza è in lutto, la Penisola sorrentina piange, la grande Raffaella Pandolfi da oggi danza

Medici, una professione sempre più al femminile

Medici, una professione sempre più al femminile Otto marzo, giornata della donna, giornata in cui ci si sofferma a riflettere sul ruolo femminile nella società italiana, tra passi avanti e retaggi antichi, speranze e contraddizioni, e la donna medico ne rappresenta un valido emblema. E’ proprio alle mie carissime colleghe che dedico questo articolo. Oggi la percentuale di donne medico, in Italia come in altri Paesi, ha quasi pareggiato quella

Maikol e i ragazzi dei calzini “a rate”

Maikol e i ragazzi dei calzini “a rate” Chissà quante volte, camminando tra Corso Umberto e le piazze del centro storico, mi sarò imbattuto in Maikol. Mi avvicinava con un sorriso dolce e sornione insieme, offrendomi la sua mercanzia anche “a rate”, come recitava il suo slogan pubblicitario preferito, e se rifiutavo dicendogli di avere ormai già un cassetto pieno di quei calzini neri, di cui non sapevo che cosa

Fra Diavolo il primo guerrigliero partigiano del Sud, i discendenti lo raccontano

Una sera d’estate in un museo del brigantaggio, di un borgo come Itri, oggi provincia di Latina, un tempo Terra di Lavoro, con i discendenti di uno dei miti della storia del Sud, Fra Diavolo, è l’occasione per riflettere senza censure sulla memoria cancellata. Oltre una quindicina di parenti tra giovani e meno giovani con il cognome Pezza, ben quattro con il nome, Michele, hanno preso parte alla serata “Fra

Pompei, Informazione per pochi eletti, lettera aperta a Franceschini

Lettera aperta al Ministro Franceschini Ora basta con l’informazione per pochi eletti. C’è da scrivere l’ennesima pagina incomprensibile sulla Soprintendenza archeologica di Pompei, Ercolano e Stabia. Questa volta riguarda l’informazione. A Pompei la Soprintendenza archeologica  sceglie ‘aribitrariamente’ i giornalisti da invitare in esclusiva per una visita al laboratorio cantiere, dove sono in  corso i restauri  dei calchi,  che in parte saranno esposti in occasione della mostra che apre il 26

Otto Marzo, Non lasciamo le donne sole

Nell’approssimarsi dell’8 marzo, ritorna con prepotenza il tema della “violenza di genere”, una realtà drammaticamente e assurdamente presente in tutto il mondo: la violazione dei diritti e la discriminazione esercitata contro le donne in quanto genere femminile. Il termine comprende tutti gli atti che provochino danni o sofferenze di natura fisica, sessuale, psicologica o economica alle donne, comprese le minacce di compiere tali atti, sia nella vita pubblica che privata.

Città della Scienza a due anni incendio si festeggia. Ma cosa c’è da festeggiare?

Due anni dall’incendio dello Science di Città della Scienza, due anni senza colpevoli e due anni a distanza dei quali il progetto di ricostruzione di Città della Scienza è sostanzialmente fermo o comunque procede lentamente. Il prossimo 4 marzo, nonostante ciò, Città della Scienza organizza una giornata non stop, con eventi dalle 10 alle 20, che chiama ‘Grande festa per la ricostruzione’.  Lo fa con l’obiettivo di ricordare ciò che

San Leucio, Pietra e  Seta

La vendita dell’Antico Opificio Serico di San Leucio è l’apoteosi di un graduale, e ormai definitivo, fallimento. Un suicidio produttivo semplicisticamente giustificato da crisi del settore, aggressione estera, forza dirompente e concorrenza spietata dei colossi orientali o del lavoro sommerso. I telai sono fermi dal 2008 ma nel vuoto dello stabilimento già da prima si respirava aria di dismissione. L’intera ossatura serica e’ stata frantumata soprattutto per incapacità delle ultime

Dal Sud al Nord per una Casa senza frontiera

Gaetano Amato ha carisma e talento, e il pubblico, di ogni età, lo ama a prima vista. Come quando è venuto al Teatro Tasso di Sorrento, con lo spettacolo “Casa di frontiera“(scritto e diretto da Gianfelice Imparato), dove è stato accolto con tifo da stadio dagli studenti delle scuole medie e superiori degli Istituti della Penisola sorrentina, negli incontri organizzati dal Circolo Endas “Penisola sorrentina” nell’ambito del progetto Rassegna Teatrale