Dopo le calorose accoglienze delle passate edizioni torna l’appuntamento sempre atteso dal pubblico, napoletano e non solo: il Concerto di Capodanno della Nuova Orchestra Scarlatti, giunto alla sua ventunesima edizione, quest’anno con il titolo ‘Napoli, Vienna e …’, che si terrà venerdì 1 gennaio, ore 19.30, presso il Teatro Mediterraneo della Mostra d’Oltremare di Napoli (Viale Kennedy 54): uno degli eventi clou di Natale a Napoli, la rassegna promossa dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli.

Il palco del Teatro Mediterraneo darà spazio per l’occasione a una formula dal successo collaudato, rivestita di nuove, inedite emozioni: un cocktail sinfonico-vocale brillante e avvincente di colori musicali diversi, italiani, viennesi, napoletani, dal Rossini della Gazza ladra al Verdi del ‘Brindisi’, dal Donizetti sentimentale e buffo del Don Pasquale, e di un’esilarante scena tratta dalle Convenienze e inconvenienze teatrali, allo Strauss fascinoso avvolgente di Rose del Sud. Poi un assolo jazz avvierà un viaggio esclusivo dentro il cuore della musica partenopea che, dall’anima blues e metropolitana di Pino Daniele, con originali versioni orchestrali di alcune tra le sue più amate canzoni, risalirà attraverso il De Simone della Gatta Cenerentola (e non solo) fino alla tradizione della canzone classica napoletana, con alcuni evergreen in versione sinfonica di nuovo mescolati a Strauss in un crescendo di emozioni.

Tre giovani voci arricchiranno il programma: i soprani Claudia Nicole Calabrese e Naomi Rivieccio, e il baritono Antonio Cappetta, e un giovane talento sarà anche il direttore sul podio della Nuova Scarlatti, il calabrese Filippo Arlìa.

Commenti

commenti