Caravaggio, diventa un fumetto, arriva a Napoli e sarà  lanciato ufficialmente a Comicon  2015: mercoledì 29 aprile Milo Manara, il maestro delle “nuvole parlanti”, presenta al pubblico “Caravaggio –  La tavolozza e la spada”, il primo volume della biografia a fumetti del geniale Merisi, edita da Panini Comics. L’incontro si terrà alle 17.30 a Palazzo Zevallos  di Stigliano  in via Toledo, assieme all’ex soprintendente al Polo museale Nicola Spinosa (già curatore del catalogo della celebre mostra dedicata all'”Ultimo Caravaggio”, nel 2004, al museo di Capodimonte) e Claudio Curcio, direttore del Comicon, che prende il via dal 30 aprile al 3 maggio a Napoli presso la Mostra d’Oltremare e che quest’anno prevede, inoltre, una serie di iniziative speciali.

Senza fare classificazioni, ma sicuramente il nome di Caravaggio evoca qualcosa di speciale, è senz’altro l’artista più raccontato in assoluto, in film, fiction televisive, romanzi e fumetti. “Caravaggio. La tavolozza e la spada” è una grandiosa biografia del Caravaggio, rivolta sia agli appassionati del fumetto d’autore che ai cultori della storia dell’arte. Gli episodi burrascosi che scandiscono la biografia del maestro barocco, compresi ovviamente i dipinti che realizzò, si animano con rigore nelle tavole di Manara, che racconta  la vita del grande pittore lombardo e dei suo complessi rapporti con la curia romana che diedero vita alla maggior parte dei suoi capolavori, dal suo arrivo a Roma alla fine del ‘500 fino alla rocambolesca fuga dalla capitale attraverso l’ arte e le opere, ma anche le donne, la passione e gli eccessi.  A dare il volto al Caravaggio di Manara il giovane fumettista e pittore Andrea Pazienza, scomparso prematuramente nel 1988. “Andrea Pazienza – osserva Manara – è il Caravaggio dei giorni nostri. Anche per il mestiere che aveva scelto. Se Caravaggio fosse vivo adesso sceglierebbe o il cinema o il fumetto. Del resto oggi il fumetto non è più una questione per ragazzini, è diventato adulto. Pazienza somigliava effettivamente a Caravaggio, con carnagione e capelli scuri. E simile è stata la loro vita, breve e avventurosa. Due stelle dalla luce esplosiva“.

Tra i contenuti speciali della “Artist Edition” figura anche una lettera che lo stesso Milo Manara ha voluto rivolgere direttamente a Caravaggio. “Maestro Michelangelo Merisi, sono un disegnatore di fumetti”, si presenta Manara, svelando anche un piccolo aneddoto personale: “Molti anni fa, agli esami di maturità classica, il professore picchiettò con l’indice sulla copertina del libro di storia dell’arte dicendomi: ‘Mi parli di questo’. Sulla copertina c’era la vostra ‘Canestra di frutta’. Beh, feci un figurone, sapevo tutto di voi. Almeno tutto quello che uno studente poteva sapere, a quei tempi”. Questo di Manara è stato un lavoro preparato in quattro anni, anticipato da un lungo il lavoro di preparazione, di ricerca delle fonti, sia quelle scritte che quelle visive. Seguito da un lavoro di esecuzione abbastanza laborioso,perché si trattava di mettere in scena una Roma seicentesca e di riprodurre tutti i quadri di Caravaggio. Manara avrebbe potuto, almeno là dove le sue tavole contenevano i capolavori del Merisi, sfruttare riproduzioni fotografiche, ma non l’ha fatto. Per conoscere qualcuno o qualcosa devi disegnarlo a mano.

La storia del Caravaggio è raccontata da Milo Manara con grande rispetto della testimonianza delle fonti e della verità sostanziale di quella vicenda“, spiega nell’introduzione lo storico dell’arte Claudio Strinati. “Non è, infatti, una storia romanzata. Eppure Manara vi ha impresso il segno della sua creatività in modo netto e personalissimo. Il suo Caravaggio, pur riflettendo perfettamente quello storico è, per l’appunto, uno dei più bei personaggi creati dalla sua fantasia. Caravaggio è tra gli artisti italiani più celebrati e amati, dalla fama incommensurabile – continua lo storico dell’arte – la storia raccontata da Manara è pertinente alla vita del pittore, e si basa su cognizioni filologiche certificate, l’opera è ineccepibile dal punto di vista scientifico. Io che ho passato tutta la vita a studiare Caravaggio, ho avuto la sensazione di leggere una storia nuova. Manara ha disegnato prendendo fatti noti, dando però la sua versione, e così facendo ci fa conoscere quelle realtà secondo un processo conoscitivo che, per sua natura, è sempre nuovo. La stessa città di Roma, per come la disegna Manara nel volume diventa uno dei grandi personaggi del racconto“.

Caravaggio  raccontato senza licenze e nel pieno rispetto dalla tradizione storica della sua enorme e controversa figura.  Nel racconto straordinario di Manara sull’avventurosa vita di Michelangelo Merisi non c’è mai accenno a volgarità, come del resto nel suo intero repertorio. Quella che Manara instilla nel racconto è una venatura di erotismo e spregiudicatezza, che sembrano dominare la creatività stessa dell’artista lombardo: ‘La volgarità oggi non dipende dalla quantità della pelle esposta ma da certi discorsi che prendono piede soprattutto nella politica – dice il fumettista – paragonandoli a personaggi politici di epoche passate, anche se non innocenti, mi rendo conto che oggi siano molto volgari i nostri politici, e che la volgarità è ovunque, è diventata un fatto culturale e mentale”. Manara ama Caravaggio nella stessa identica misura in cui tutti noi siamo vicini alla pittura dell’artista, perché Caravaggio ha rappresentato noi stessi, la verità, e quindi siamo tutti dentro ai suoi quadri.

“.…è un tale Michelangelo da Caravaggio che a Roma fa cose notevoli […] costui s’è conquistato con le sue opere fama, onore e rinomanza. […] egli è uno che non tiene in gran conto le opere di alcun maestro, senza d’altronde lodare apertamente le proprie. […] Ora egli è un misto di grano e di pula; infatti non si consacra di continuo allo studio, ma quando ha lavorato un paio di settimane, se ne va a spasso per un mese o due con lo spadone al fianco e un servo di dietro, e gira da un gioco di palla all’altro, molto incline a duellare e a far baruffe, cosicché è raro che lo si possa frequentare“. (Karel van Mander).

 

 

 

 

 

Commenti

commenti