Promossa da Il Carcere Possibile onlus e dal Garante dei Diritti dei detenuti della Regione Campania, in collaborazione con Teatro Stabile di Napoli e Provveditorato della Campania Amministrazione Penitenziaria, al via il 24 Novembre, al Centro Europeo di studi (CEuS) di Nisida e 25, 26 e 27 al Teatro San Ferdinando la rassegna teatrale IL CARCERE POSSIBILE, giunta alla sua undicesima edizione ad INGRESSO GRATUITO.
L’edizione 2015 accoglie come assoluta novità, la proiezione del cortometraggio diretto da Maria Raffaella Faggiano, Antonio Cossia e Salvatore Cantalupo con le ragazze e i ragazzi di Nisida – DOPPIO SPECCHIO­ che sarà proiettato, Martedì 24 Novembre alle ore 16,30 presso il Centro Europeo di studi (CEuS) di Nisida. Ingresso libero.
In scena cinque compagnie da Mercoledì 25 a Venerdì 27 Novembre al Teatro San Ferdinando di Napoli per l’edizione 2015 della rassegna di teatro de Il Carcere Possibile Onlus. Tra i più consolidati progetti nazionali di Teatro e Carcere, l’undicesima edizione della rassegna propone cinque allestimenti teatrali, frutto delle residenze laboratoriali con i detenuti/attori curate da registi impegnati da anni nel settore, all’interno degli Istituti penitenziari della Regione Campania.

Mercoledì 25 Novembre alle ore 21,00 la Casa Circondariale di Poggioreale presenta lo spettacolo BECKETT ON AIR, regia di Gesualdi­/ Trono.
Mercoledi 26 Novembre alle ore 18,30, seconda giornata di Rassegna, sarà la volta dei detenuti /attori della Casa Circondariale di Arienzo, con C’era una volta il Rione Sanità di Teresa Papa e Gaetano Ippolito.
A seguire, alle ore 21,00, i ragazzi dell’Istituto Minorile Nisida in L’Aneme Pezzentelle regia di Veria Ponticiello, ispirato a un testo di
Fortunato Calvino.
Chiuderanno l’edizione 2015 della Rassegna Venerdì 27 Novembre, alle ore 18,30 i ragazzi dell’Istituto Penale Minorile di Airola con In Piazza di Vincenzo Di Caprio / Associazione i Refrattari, e alle ore 21,30 i detenuti/attori dell’Istituto Penale di Secondigliano in CORPO REO di Giorgia Palombi per Maniphesta Teatro in collaborazione con Vincenzo Del Prete.
Una rassegna di teatro dedicata alle comunità di detenuti, adulti e minori dei penitenziari di Napoli e della Campania, espressione dell’impegno a favore dei processi e programmi volti alla riabilitazione e al reinserimento del cittadino detenuto.
L’ingresso agli spettacoli è libero fino ad esaurimento posti. Per la visione del cortometraggio presso il Centro Studi di Nisida non occorre alcuna autorizzazione, l’ingresso è libero.

Commenti

commenti