Casertavecchia, tra sacro e profano

 “L’arte del sacro e del profano”, a Casertavecchia il 24,25 e 26 giugno: tre giorni caratterizzati da elementi di tradizione culturale, musicale  e  gastronomica, in cui gli elementi sacri si intersecano con quelli profani accorciando le distanze e creando tra loro addirittura sinergie inaspettate.

Di rilevanza è l’esposizione di una delle tre copie autorizzate della Sacra Sindone presso il Duomo di Casertavecchia durante i tre giorni di manifestazione, resa possibile grazie alla collaborazione con l’Università di Torino ed al supporto della Dott.ssa Marianna Ciervo. L’arrivo della copia del telo sarà salutato dai salmi del Miserere dei cantori di Sessa Aurunca. Prevista una sezione culturale molto ampia, che si terrà all’interno della Cappella dell’Annunziata, ove vi sarà per l’occasione l’esposizione fotografica “Anime Pezzentelle” sul Cimitero delle Fontanelle di Napoli a cura dell’Società Fotografica Casertana.

La cultura del Sacro e Profano esordirà il giorno 24 giugno alle ore 18.00 con la presentazione del libro “Anime Pezzentelle” di Elena Starace, giovane attrice;  il giorno 25 alle ore 18.00, Walter Memmolo, Presidente del Gruppo Napoletano di Sindonologia, presenterà il suo libro “Pietro Giuseppe e il Lenzuolo”, introdotto dal Antonio Salvio, Presidente Nazionale CVX. Alle ore 19.00  Paolo Miggiano presenterà il suo ultimo libro,   “Ali Spezzate – Annalisa Durante morire a Forcella a quattordici anni”, seguito dalla presentazione del libro “La Camorra bianca” di Don Luigi Merola, moderati dal giornalista Arnaldo Capezzuto. A chiusura della parte culturale, il 26 giugno alle ore 18.00 vi sarà la proiezione del film “Tutto può accadere nel villaggio dei miracoli”, diretto da Modestino Di Nenna, seguito alle ore 19.30 dall’intervento “Miti e storie della gastronomia Campana – Pane e il Vino” a cura di Teresa Insero e  Sandra Romeo. La sezione artistica invece, partirà il 24 giugno alle ore 20.00 con lo spettacolo “Dove vai tutta nuda?” a cura della compagnia “Rita e gli animali da palcoscenico”, che si terrà presso le “Mura” di Casertavecchia. La successiva serata del 25 giugno, nella Piazza del Vescovado, a partire dalle ore 21.00,  Augusto Ausanio Quintet  si esibirà in “Up the Mood”, un concerto di Fusion Mediterraneo. A concludere la sezione artistica sarà il musicista casertano Gino Licata, di rinomata fama internazionale, che si esibirà il 26 giugno alle ore 21.00 in “Napoletano d’autore” con feat di Francesca Maresca.

L’evento è patrocinato dal Consiglio della Regione Campania, dal Comune e dall’Ente Provinciale del Turismo di Caserta, ed organizzato, a titolo privato, dal Direttore Artistico Gianni Genovese, con la collaborazione dell’Associazione Borgo di Casertavecchia ed il supporto di alcuni sponsor locali.

Il Sacro e il profano, due tempi cronologici che si avvicendano,  due dimensioni interne alla vita che si intrecciano in modo indivisibile;  in questa occasione, capaci di ispirare un evento, ri-elevandone valore e significato, in un tempo in cui il sacro non sembra così importante come in altre culture o in altre epoche, dedicandogli tempi ridotti, rispetto a quello occupato dalle situazioni “profane”, quali lavoro, studio,  divertimento. La vita è una sola e chi la vive non ha bisogno di divisioni artificiose, ma di una unità che dia un senso e gusto al suo vivere. Questo è il senso del “L’arte del sacro e del profano”, in una edizione arricchita di colori e contenuti di forte impatto territoriale, con l’auspicio di poter accogliere un pubblico entusiasta e desideroso di conoscere ed apprezzare le bellezze del Borgo di Caserta vecchia unitamente alle tradizioni, culturali ed artistiche, del nostro territorio.

 

Commenti

commenti