Carolina Rosi a Napoli per la commemorazione del padre Francesco racconta a napolipost i suoi progetti. “E’presto ma penso ad esempio di restaurare i film di mio padre“.  E’ per una intera giornata nella città che diede i natali al padre e che ispirò film come ‘Le Mani sulla città” il cui soggetto fu scritto con Raffaele La Capria suo amico da ottanta anni che  al Maschio Angioino è con gli familiari, artisti e registi per ricordare la figura del grande regista. La Capria racconta: “Quando decidemmo di girare il film venimmo negli uffici comunali, cercammo carte e documenti. E’ stato un grande amico ed il nostro non era soltanto un legame sentimentale ma anche intellettuale parlavamo tanto sempre di tutto in particolare della figlia e dei suoi film“.

A Napoli anche Giuseppe Tornatore che ha scritto un libro con lui, Robertò Andò e Mario Martone e poi il sindaco Luigi De Magistris, l’assessore alla Cultura del Comune di Napoli, Nino Daniele.

Il pomeriggio è stato un altro momento importante della giornata con un incontro presso la Federico II e quindi la proiezione del film ‘Le Mani sulla città”.

Commenti

commenti