Caravaggio virtuale. Un dipinto ricostruito, dopo 410 anni,  la Pala Radolovich che Caravaggio avrebbe dovuto realizzare per Nicolò Radolovich nel 1606. Ma della cona con la Madonna, San Vito, San Francesco, San Niccolò, San Domenico non vi è alcuna traccia. C’è una fonte conosciuta dagli studiosi da oltre trenta anni, una lettera di pagamento del Banco S.Eligio di 200 Ducati.

La lettera è precisa sui tempi di consegna: “Dicembre prossimo venturo d’altezza palmi 13 e mezzo e larghezza palmi 8 e mezzo ” Caravaggio probabilmente non realizzò mai questo quadro. A Gennaio  1607 consegnò invece le Sette Opere di Misericordia al Pio Monte della Misericordia. Cosa fece Caravaggio da ottobre a gennaio. Si prese i soldi ma non realizzò mai l’opera. Possibile. Lo stile caravaggesco era anche questo. Infatti, non è mai stato ritrovato nulla. L’Archivio Storico del Banco di Napoli custodisce nelle stanze, 330, la lettera. E per promuovere le visite presso il Museo Multimediale in via Tribunali 214, lunedì, martedì, giovedì, venerdì, sabato 10-18, domenica 10-14, sono programmate visite che riporteranno in vita il Caravaggio attraverso tableaux vivants. Un video ricostruisce il quadro e la misteriosa vicenda.

Commenti

commenti