Nomadi di breve corso, ma nomadi, in una sacca di tempo al riparo del tempo. Il tempo del mito, il tempo del racconto è un tempo fermo, che si sottrae al tempo del lavoro che tutto consuma e divora”, così  Vinicio Capossela nel presentare in rete il suo Sponz Fest di Calitri che si svolge sino al 30 agosto in Alta Iripinia.

Nella settimana del plenilunio per il terzo anno lo Sponz Fest 2015, il festival diretto da Vinicio Capossela,  si avvale della collaborazione attiva dei comuni di Calitri, capofila del progetto, Conza, Andretta, Cairano e Aquilonia. Tra i molti appuntamenti in programma quello con la NOTTE D’ARGENTO, il concerto ricco di ospiti con cui sabato 29 agosto, Vinicio Capossela celebrerà i 25 anni di sposalizio con la musica. Il festival è nato nel 2013 a Calitri, per creare un’occasione di comunità intorno alle ritualità dello sposalizio. Quest’anno il Festival si intitola RAGLIO DI LUNA – le vie dei muli, i sentieri dei miti, ed è costruito intorno all’idea del camminare, del “nomadismo”, del viaggiare accompagnati, al passo dell’uomo e dell’asino, per auscultare il ronzio dei “siensi” perduti, con il senno, con il sapere antico della terra, che sembra essersi smarrito per strada.

PROGRAMMA

 

Mercoledì 26 agosto – 81,2% di luna nei cieli di Aquilonia sotto la grande quercia della Badia di

San Vito

SENTIERI IN CIRCOLO: I TURNI DI SANTO VITO, LA DIVINITÀ DEI GRANDI APPETITI, DEL MOTO PERPETUO E

DELLA DANZA CIRCOLARE.

Aquilonia, grande Quercia di San Vito

Al mattino:

La carovana dei musicanti, muli e asini si muove da Formicoso diretta alla grande quercia di San Vito;

Per i più piccoli, nel centro di Aquilonia, piazza Marconi, con Agricola Laboratorio di grano e fantasia,

laboratorio di conoscenza e lavorazione di pasta fresca, dolci e panetteria.

A mezzogiorno:

pranzo sotto la quercia

Nel pomeriggio, dopo pranzo:

MUSICA E DANZE CIRCOLARI A SMALTIMENTO, con Mariachi Mezcal, Fanfara Tirana & Robert

Bisha, Makardìa.

Enza Pagliara con Mariagrazia Madruzzato e Sivia Lodi in: “canti dell’altalena e canti a cerchio”.

A sera:

SENTIERI DEL MITO – IL SENTIERO DELLA CUPA

La carovana si incammina dalla quercia di San Vito verso il Sentiero della Cupa, il luogo oscuro, del

sogno e dell’inconscio, sotto la rupe del castello di Calitri con spaventi e animali immaginari.

Inaugurazione dell’opera vegetale di Dem Demonio, IL CRUCISTRADA DELLA CUPA e altri mammocci.

Incontro narrativo con:

Aniello Russo, l’immaginario popolare degli Irpini.

Vincenzo Vasi, concerto spiritico per teremin e voce.

Nella notte

Arrivo nel centro storico di Calitri – inaugurazione grotte del vino con danze e musica per le vie del

borgo – artisti e musicisti locali,                Mariachi Mezcal, Banda Città di Calitri.

Giovedì 27 agosto – 89,2% di luna nel cielo di Calitri

SENTIERI DELL’ECO: LO SPOSALIZIO DELLE CULTURE

Calitri

Al mattino:

Per i più piccoli, nel centro di Calitri, con Agricola Laboratorio di grano e fantasia – laboratorio di

conoscenza e lavorazione di pasta fresca, dolci e panetteria.

A mezzogiorno:

PARTIGIANI A TAVOLA. STORIE DI CIBO RESISTENTE E RICETTE DI LIBERTÀ.

A Borgo Castello: il cibo come esperienza culturale, incontri a tema e presentazione del libro con le

autrici Lorena Carrara ed Elisabetta Salvini.

Al pomeriggio:

Laboratorio e preparazione di gamopilafo, burek ed altri piatti nuziali della cultura cretese e albanese,

con maestri di cucina dei due paesi.

Al tramonto:

Per le vie del borgo antico, intorno alla chiesa dell’Immacolata Concezione.

SPOSALIZIO DELLE CULTURE, a cura dell’associazione Sponziamoci: banchetti nunziali a cielo aperto

con pietanze nuziali di diverse culture. Il gamopilafo cretese, il burek albanese, piatti delle comunità del

territorio e piatti tipici calitrani: banchetti aperti ad “accampanti”.

È ARRIVATO IL PANE DI GRANO, intervento scultoreo di Erica Hansen.

“Canzoni dai Promessi Sposi”, storie cantate di Gianluca Grossi

VINOCOLO LETTERARIO, nel centro storico di Calitri, alla “grotta Valenzio”, a cura del Parco Letterario

Francesco De Sanctis. Appunti di viaggio, incontro a tema e presentazione del libro “Matria. Avellino e

l’Irpinia, un esame di coscienza”con l’autore Generoso Picone.

Da sera a notte:

Nel piazzale dell’Immacolata Concezione e per le vie del borgo: tavolate, danze e musiche con Fanfara

Tirana & Robert Bisha, Mariachi Mezcal, Psarantonis ed ensemble cretese, gruppo calitrano di

serenate, fisarmoniche e “Cumversazioni”.

Venerdì 28 agosto – 95,3% di luna nel cielo di Calitri

LA CASA DELL’ECO – IL RITO DELLO SPOSALIZIO IN CALITRI

Calitri

Dalla mattina:

Alla casa dell’Eco: lezioni di cucina locale con donne e uomini di Calitri. Attività d’incontro e scambio di

canti e piatti locali.

Al Borgo Castello: MOSTRA DI ARTIGIANATO FEMMINILE: MANI E VOLTI A CONFRONTO.

Dal pomeriggio:

Seminari per giovani musicisti di musiche popolari e da ballo insegnate dai maestri della Banda della

Posta, della Banda Comunale di Calitri e altri ospiti del festival.

Nel tardo pomeriggio:

VINICOLO LETTERARIO – nel centro storico di Calitri, alla “grotta Valenzio”, a cura del Parco Letterario

Francesco De Sanctis. “Vino, Eros e Poesia, da Omero ai giorni nostri”, incontro a tema e presentazione

del libro con l’autore Paolo Saggese e Alessandro Di Napoli.

Alla sera e fino allo sponzamento notturno:

SERATA DA BALLO, LO SPOSALIZIO DELL’ECO

Banchetto nuziale a cielo aperto nel piazzale antistante alla casa dell’ECO (sul sito ufficiale

www.sponzfest.it i contatti per la prenotazione).

Grande serata danzante con:

Banda della posta (Calitri), ospite Vinicio Capossela

Los TexManiacs (Texas)

Tonuccio e i Pink Folk (Caposele)

Calitri Popolare

Mariachi Mezcal                             (Messico)

King Neat Veliov & The original Kocani Orkestar (Macedonia)

e altri ospiti in via di definizione.

Grotte del vino aperte tutta la notte.

Sabato 29 agosto – 99,1% di luna nei cieli di Conza della Campagna

LE VIE DEL FIUME E DELLA FERROVIA

Conza e stazione di Conza-Andretta-Cairano

Tarda mattinata:

La carovana torna in cammino verso la valle dell’Ofanto, costeggiando la ferrovia e il fiume Ofanto fino

alla stazione di Conza-Andretta-Cairano.

Tardo pomeriggio:

Lago artificiale di Conza della Campania (oasi faunistica del WWF):

INCONTRI SULL’ACQUA E SUL TEMA DELLE TRIVELLAZIONI PETROLIFERE

Vincenzo Briuolo e Vincenzo Portoghese, geologi

Padre Alex Zanotelli, missionario comboniano attivista per i diritti degli ultimi

Marcello Giannotti, esperto aree protette del WWF

Rocco La Fratta (Gal Cilsi), esperto Contratto di fiume dell’alto Ofanto

Tiziana Medici (attivista No Triv), esperta in sviluppo locale e partecipativo

Villa Comunale – Conza della Campania

Spettacolo teatrale “Gli Uccelli da Aristofane” di Albali TeAtri, regia Francesco Prudente

Dal tramonto all’alba:

Stazione ferroviaria di Conza-Andretta-Cairano

NOTTE D’ARGENTO

Sotto il paese dei Coppoloni, in plenilunio, Vinicio Capossela celebra le Nozze d’argento con la

musica insieme a:

Psarantonis (Grecia), Los TexManiacs ( Texas), King Neat Veliov & The Real Kocani Orkestar

(Macedonia), Howe Gelb ( Arizona) Banda della Posta (Ita),                          Mariachi Mezcal (Messico/Spagna),

sezione giovanile Banda Città di Calitri, Cicc’ Bennet’, Asso Stefana, Zeno De Rossi.

Concerto a pagamento

biglietti 15 euro + dp (in prevendita) ai link:

http://www.mailticket.it/evento/6063

http://www.ticketone.it/biglietti.html?affiliate=ITT&doc=artistPages%2Ftickets&fun=artist&action=ti

ckets&erid=1464740&includeOnlybookable=false&x10=1&x11=caposse

Biglietti venduti allo SponzOffice: € 10 (SponzOffice: P.zza Salvatore Scoca, Calitri. ore 10.00-13.00

16.30-19.30)

Domenica 30 agosto – 100% di luna nel cielo di Cairano

LA LUCE DEI SIENSI

Cairano

Tarda mattinata:

Ascensione a Cairano e colazione ancestrale.

Nel pomeriggio:

ALLA RICERCA DEI SIENSI PERDUTI, SOPRA LA RUPE DI CAIRANO, DOVE SI COLTIVANO I SIENSI IN

FORMA DI MOSCONI.

Sul pianoro delle tombe a fossa della civiltà arcaica di Oliveto Cairano, il dio solare Baal consegna i

Siensi in forma di mosconi e lascia il posto alla luna. Incontro con l’archeologo Giampiero Galasso sulle

antiche civiltà di Irpinia;

Al calar del sole, al sorgere della luna:

SENNI PERDUTI, SENNI RITROVATI. IL CAMMINO DELL’UOMO CON I SENNI DELLA CONOSCENZA.

Incontro con Piergiorgio Odifreddi: astrofisica, fasi lunari, scienza, superstizione.

A luna piena:

VOCI E FANTASMI DA “IL PAESE DEI COPPOLONI”

letture e suoni di Vinicio Capossela, con Psarantonis (lira cretese) e Alessandro “Asso” Stefana

(chitarra, rumori)

“Sulla sommità, dietro al paese, davanti alla trebbiatrice volante, sporta e appesa alla rupe dei siensi, un

unione di mitologie, da un olimpo all’altro, l’aedo cretese di Anoghia, il paese alle pendici del monte Ida,

che ha dato i natali a Zeus, unisce la sua lira cretese al racconto de “il paese dei coppoloni”, nei luoghi

sospesi di un immaginario mitico.”

Infine…

Volo della trebbiatrice verso la luna e liberazione dei Siensi.

Commenti

commenti