Capodimonte svela le armi dei Borbone

Il neo direttore del museo di Capodimonte, Sylvain Bellenger, accoglie così i visitatori in una delle sale normalmente chiuse. E’ la sala dell’Armeria dove sono esposte le collezioni di armi dei Farnese e dei Borbone. Dallo scudo, elmo e spada di Ruggero il normanno, donato nell’800 a Ferdinando IVdi Borbone, all’archibuso del Duca Alessandro Farnese per non tralasciare le armi da fuoco dei Borbone. Una meraviglia svelata in occasione del domeniche gratis al Museo che Bellenger ha voluto offrire nel percorso di visita come anticipo dei suoi progetti di valorizzazione del museo di Capodimonte. WP_20160103_037Ed eccola la collezione di armi dal ‘500 all’800 un percorso indietro nel tempo che racconta come i cavalieri si armavano per andare in guerra, per sfilare in parata e per partecipare alle giostre. Ogni oggetto è un’opera d’arte. Nel passato, infatti, la costruzione delle armi era affidata ad esperti armaioli ed a straordinari cesellatori che trasformavano l’arma in oggetto d’arte. La collezione dei Farnese-Borbone fu trasferita a Capodimonte nel 1864 da palazzo Reale ed allora è stata raramente al centro di percorsi specifici di visita.

 

 

 

WP_20160103_044

 

Commenti

commenti