Un Aeroporto sostenibile.  L’obiettivo centrato, già dal 2013 è contenuto nel primo Bilancio di Sostenibilità presentato dai vertici di GESAC, Carlo Borgomeo e Armando Brunini. Con un sondaggio mediante televoto nel complesso di San Domenico Maggiore è stato illustrato il Bilancio di sostenibilità che  evidenzia  l’offerta, intesa come capacità di attrazione del territorio di cui l’Aeroporto rappresenta un fattore abilitante attraverso lo sviluppo del network delle destinazioni e dell’infrastruttura aeroportuale, dall’altro, la domanda, misurata dal traffico di passeggeri e merci gestito che si traduce in valore – immagine, occupazione, reddito, flussi turistici– per il territorio, la comunità e l’Aeroporto stesso.

E’ Armando Brunini a sintetizzare il significato del processo:“Motore propulsore di questo circolo virtuoso è l’approccio alla sostenibilità – economico-competitiva, sociale ed ambientale – adottato da GE.S.A.C., che si traduce in obiettivi di contributo alla promozione e valorizzazione turistica del territorio, di qualità ed eccellenza dell’esperienza del passeggero, di valorizzazione e coinvolgimento delle persone impegnate nelle attività aeroportuali, di tutela e rispetto dell’ambiente, di  community engagement e di  contributo allo sviluppo socio-economico del territorio”.

Dalla lettura del Bilancio di sostenibilità emerge che l’aeroporto che cresce l’Aeroporto punta a crescere non solo perché lo sviluppo dell’attività aeroportuale è sostenibile dal punto di vista commerciale, tecnico, sociale ed ambientale, ma anche e soprattutto perché lo sviluppo dell’Aeroporto è un vantaggio per tutti.

E Carlo Borgomeo presidente Gesac sottolinea:  “L’obiettivo di GE.S.A.C. è quello di alimentare un circolo virtuoso che coniuga i princìpi della sostenibilità economica, sociale ed ambientale con la creazione di valore di cui beneficiano in maniera simbiotica e reciproca il territorio e l’Aeroporto stesso. Cardini di questo circolo virtuoso sono, da un lato, l’offerta, intesa come capacità di attrazione del territorio di cui l’Aeroporto rappresenta un fattore abilitante attraverso lo sviluppo del network delle destinazioni e dell’infrastruttura aeroportuale, dall’altro, la domanda, misurata dal traffico di passeggeri e merci gestito che si traduce in valore – immagine, occupazione, reddito, flussi turistici– per il territorio, la comunità e l’Aeroporto stesso”.

 

Commenti

commenti