Leonardo da Vinci scrisse: “ la vita dell’uomo si fa dalle cose mangiate”. Oggi gli studi scientifici hanno dato conferma a questa sua intuizione, dimostrando che la qualità dell’alimentazione sin dal momento della nascita e ancor prima quella della madre influenzano la salute e il benessere del bambino non solo nel breve termine, condizionandone l’ottimale sviluppo psico-fisico, ma per tutta la vita, agendo su variabili biologiche e psico-dinamiche(quali sviluppo neurologico, apprendimento, comportamento, metabolismo, pressione arteriosa, mineralizzazione ossea, immunità) che se alterate possono determinare la futura insorgenza di malattie(“programming”), esempio obesità, diabete, ipertensione, infarto, ictus, tumori, osteoporosi, disturbi del sistema nervoso, malattie polmonari. Di tutto ciò si è discusso nel riuscitissimo incontro pubblico “LA PREVENZIONE INIZIA A TAVOLA”, organizzato dal Comune di Sorrento  presso la sala consiliare. In particolare, le relazioni hanno trattato le seguenti tematiche:  L’obesità: un’epidemia mondiale (Dr.ssa Marilia Cascone – Medico Pediatra),  La prevenzione delle patologie attraverso l’alimentazione- Sfatare i falsi miti riguardo l’alimentazione(Dr. Salvatore Ercolano – Biologo Nutrizionista), La nuova Piramide alimentare della dieta Mediterranea- Come leggere le etichette alimentari(Dr.ssa Lavinia Castellano – Biologo Nutrizionista), L’importanza dell’educazione alimentare per i bambini- La prevenzione delle patologie a partire dall’età pediatrica(Dr. Carlo Alfaro Carlo Doc – Medico Pediatra) e Quando il cibo diventa un nemico- I disturbi del comportamento alimentare (D. C. A.)Dr.ssa Letizia Raus (Psicologo Psicoterapeuta).

Ai partecipanti, tutti molto attenti e interessati è stato rilasciato attestato di frequenza. “Incontri pubblici di questo genere sono importanti- commenta il dottor Salvatore Ercolano- perché attraverso l’informazione si costruisce salute e benessere. Come evidenziano la nutrigenetica e la nutrigenomica, ogni persona ha una predisposizione genetica diversa la quale fa in modo che ogni singolo organismo tollera certi alimenti piuttosto che altri.Non tutte le persone rispondono in una determinata maniera a un certo tipo di dieta, quindi è necessario un approccio personalizzato, che porti al raggiungimento di uno stato di equilibrio e benessere.Non esiste una dieta uguale per tutti, la dieta deve essere ad personam. Questo è il messaggio che speriamo le persone portino a casa dal nostro convegno”. Concludiamo con l’aforisma del grande Medico Ippocrate del 400a.C:  “Mangiare senza giudizio quando si è sani, significa costruire la propria malattia. Mangiare senza giudizio quando si è ammalati, significa nutrire la propria malattia“.

Commenti

commenti